Il 25° Congresso del Movimento Nonviolento: Coerenza, continuità, convinzione. La nonviolenza oggi

Il 25° Congresso del Movimento Nonviolento: Coerenza, continuità, convinzione. La nonviolenza oggi

Nei giorni 31 marzo, 1 e 2 aprile si terrà a Roma il XXV Congresso nazionale del Movimento Nonviolento, convocato con il titolo “Coerenza, continuità, convinzione. La nonviolenza oggi”.

Convergeranno a Roma attivisti nonviolenti da tutta Italia per confrontarsi e definire le strategie e gli obiettivi del Movimento per i prossimi tre anni.

Temi centrali della 3 giorni nonviolenta saranno: conflitti e migrazioni, politiche per le città aperte, esperienze educative nonviolente, la difesa civile non armata e nonviolenta, le reti territoriali dei gruppi nonviolenti, l’Europa come casa comune, le campagne per la riduzione delle spese militari e per il disarmo, il servizio civile e i corpi civili di pace.

Nel desolante panorama che l’attualità ci riserva ogni giorno – dice Mao Valpiana, presidente del Movimento Nonviolento – la nonviolenza rappresenta quell’orizzonte che stiamo cercando. Non lo vediamo ancora, ma sappiamo che c’è. I tempi sono difficili. Le guerre devastano interi paesi. La logica della politica di potenza nutre la continua corsa alle spese militari, inasprisce conflitti già acuti. Movimenti xenofobi, neo-nazionalisti, populisti minacciano le sorti della democrazia. Le sfide sono molte ma dobbiamo continuare a scommettere sul nostro impegno per la diffusione di una comprensiva cultura della nonviolenza. In tutto il mondo cresce la coscienza che il futuro dell’umanità è legato al futuro della nonviolenza. Questo è il varco attuale della storia”.

Il Movimento Nonviolento è stato fondato nel 1962 dal filosofo, educatore, antifascista e libero religioso Aldo Capitini, che per primo propose in Italia un pensiero e un’opera per la nonviolenza organizzata. Il Movimento Nonviolento è stato protagonista nel passato delle prime Marce Perugia-Assisi e del movimento degli obiettori di coscienza al servizio militare; oggi è promotore della Campagna “Un’altra difesa è possibile” e della diffusione della cultura della nonviolenza; è impegnato nell’opposizione integrale alla guerra, lavora per l’esclusione della violenza individuale e di gruppo in ogni settore della vita sociale, al livello locale, nazionale e internazionale.

Il Congresso si svolgerà in via Marsala 42 (zona Stazione Termini), sarà aperto a tutti, ma potranno votare solo gli iscritti. Si concluderà con l’approvazione delle mozioni e l’elezione degli organi statutari.

I giornalisti sono invitati a partecipare.

Ulteriori informazioni e materiali preparatori si trovano qui 

Scarica qui il pdf del comunicato stampa

Per contatti:

Casa per la Nonviolenza, sede nazionale del Movimento Nonviolento, via Spagna 8, 37123 Verona.

Segreteria, f. 045 8009803 – Uff. stampa, m. 348 2863190

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


La festa e il lavoro »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Rom e Sinti »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Non diventare nazisti. »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


A chi ha finito le parole »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »