Azione Nonviolenta, la festa a Modena: sintesi della prima giornata

Azione Nonviolenta, la festa a Modena: sintesi della prima giornata

Familiarità, condivisione, discussione, divertimento le parole chiave della festa per i 50 anni di Azione Nonviolenta, in corso a Modena.

Mao Valpiana, ripercorrendo  la storia  della rivista, ha ricordato come perseveranza, costanza e pazienza siano  caratteristiche che fondano l’azione dal basso di cui la Nonviolenza si nutre. Nata dalla necessità di  coordinare  i gruppi sul territorio, Azione Nonviolenta è diventata strumento operativo, luogo di  collegamento e formazione per il movimento non violento italiano, il luogo in cui la tensione ideale trova la su forma organizzata, necessaria perchè appunto la non violenza si traduca in azioni e scelte politiche. Il timore di dover chiudere, la scelta del raddoppio, con  l’apertura del sito  web, la certezza che ci sono ancora persone che richiedono informazione su questi temi.

Mao Valpiana

Mao Valpiana

Il sindaco di Modena Gian Carlo Muzzarelli, ringraziando per la scelta modenese della festa, ha sottolineato la necessità  di sostenere le persone che  si uniscono per costruire un bene condiviso, specie in una fase   storica in cui le sfide  sono difficili, la crisi e la disoccupazione, tra tutte, che pesano sulla convivenza, e si rischia di passare dalla  coesione alla collisione.

Il focus successivo  sulla proposta di legge per il disarmo e la difesa civile non armata e nonviolenta, ha visto confrontarsi Pasquale Pugliese, del Movimento Nonviolento, Francesco Vignarca, Rete Italiana Disarmo, Licio Palazzini, Conferenza Nazionale  Enti di servizio  Civile e Federico del Giudice, Rete della Pace.

Un confronto  ricco  di  spunti: l’elaborazione della proposta di legge, per la quale il mondo  della pace, della marcia, delle associazioni, sarà chiamato a dare il proprio contributo con la raccolta delle firme;  il servizio  civile volontario e il suo futuro; i tempi maturi per  accostare alla difesa militare, i cui costi oggi lasciano perplessa la maggioranza degli italiani.  E ancora gli articoli della legge,   la definizione di che cosa è la difesa civile non armata e nonviolenta, il ripudio della guerra ed il dovere della difesa, sulla base della costituzione, e le scelte che ne conseguono, la creazione di un dipartimento ad hoc,  il finanziamento stesso della legge e la necessità del confronto su questi temi, entrati oggi nella cultura condivisa, come  hanno dimostrato anche le tracce dell’esame di maturità.

Oggi alla festa:

dalle ore 17 il ricordo  di Alexander Langer; a seguire Focus, con Pat Pathfoort, Sara Bonacini e Elena Buccoliero,  su La convivenza interculturale. Alle 18 Laboratorio di Teatro dell’Oppresso, con Luciana Talamonti; alle 18.30 Laboratorio di Danze Popolari, con Carla Padovani, di Terra di Danza. Laboratori per bambini e ragazzi  dalle 20.30.

Alle 21.30 sul palco centrale “Informazione e comunicazione di pace”, con i direttori Mao Valpiana – Azione nonviolenta; Efrem Tresoldi – Nigrizia; Marco Fratoddi – La nuova ecologia; Rosa Siciliano – Mosaico  di pace; Stefano Corradino – Articolo 21. Modera Mariapia Cavani.

 Il sindaco di Modena: Gian Carlo Muzzarelli

Il sindaco di Modena: Gian Carlo Muzzarelli

A seguire “Il canzoniere antimilitarista”  con Giuliana Bergamaschi e Ilaria Peretti.

Aperti il ristorante tradizionale e  vegetariano, area ristoro con Bio Pizza e Bio Bar

Mostre: 50 anni  di Azione Nonviolenta

Il sentiero della costituzione

Domani alla festa:

Alle 9.30 lezione di  yoga con Silvia bianchi; alle 17 La vita è l’arte dell’incontro, laboratorio di narrazione collettiva, con Elena Buccoliero  e Caterina Del Torto. Alle 18 “Aldo Capitini e Azione Nonviolenta”, con Andrea Maori, Daniele Lugli e Mao Valpiana. Dalle 16.30 Laboratori per bambini e ragazzi, alle 18.30 Laboratorio di Teatro dell’Oppresso, con Luciana Talamonti, alle 21 cvoncerto di percussioni africane, alle 22.30 spettacolo di danze popolari.

Aperti il ristorante tradizionale e  vegetariano, area ristoro con Bio Pizza e Bio Bar

Mostre: 50 anni  di Azione Nonviolenta

Il sentiero della costituzione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Rifugiati e migranti in Costituzione »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Resurrectio Mortuarum. Le sorelle Mirabal »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Ad un mese dalla Perugia-Assisi »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Rinnovare la marcia Sarda della Pace »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »