Reggio Emilia: A cento anni dalla “inutile strage” basta armi nucleari e spese militari: un’altra difesa è possibile

Reggio Emilia: A cento anni dalla “inutile strage” basta armi nucleari e spese militari: un’altra difesa è possibile

Il 4 novembre cittadine e cittadini di Reggio Emilia – convocati dal Movimento Nonviolento insieme a molti soggetti culturali e politici della città – si ritroveranno in piazza della “Vittoria” per dire basta armi nucleari e spese militari. A cento anni dalla “inutile strage” un’altra difesa è possibile. Lo faranno ricordando anche Mario Baricchi e Fermo Angioletti, i giovanissimi reggiani che il 25 febbraio del 1915 furono uccisi dal regio esercito mentre protestavano contro l’ingresso dell’Italia nella grande guerra. Lo faranno realizzando un grande e luminoso simbolo di pace alla cui costruzione sono invitati tutti i costruttori di pace. 

Il 4 novembre si celebra la fine di quella prima guerra mondiale che papa Benedetto XV definì l'”inutile strage”, con il suo tragico lascito di 16 milioni di morti, dalla quale si dipaneranno i fascismi d’Europa e si porranno le basi per l’immane tragedia della seconda guerra mondiale, con i campi di sterminio e l’avvio – con Hiroshima e Nagasaki – dell’incubo nucleare.

Quella guerra fu l’esito di una scellerata corsa agli armamenti: il popolo italiano era contrario alla partecipazione del nostro Paese, ma i massicci finanziamenti delle aziende produttrici di armi alla stampa italiana, affinché spingesse l’opinione pubblica verso l’interventismo, ed alle forze politiche interventiste, spinsero al colpo di mano del governo che impose l’ingresso italiano nella sciagurata impresa bellica. Iniziava allora la commistione di interessi del “complesso militare-industriale”, quel sistema che ancora oggi è capace di mobilitare le risorse economiche in una rinnovata corsa agli armamentti, e di orientare gli strumenti di “informazione” e governi verso questo o qull’intervento militare, spacciato – senza vergogna – per “missione di pace”.

Questa strategia della violenza – fondata su precisi interessi bellici – che ha attraversato il ‘900 scavalcandolo come un’onda anomala per giungere fino a noi, spargendo guerre e terrorismi ovunque sul pianeta, in una sorta di “terza guerra mondiale diffusa” ha fallito. E’ realistico prenderne atto e abbandonare la via della guerra e della sua insostenibile preparazione e avviare la via della pace con mezzi pacifici. E’ questa la via maestra che ci indica anche la Costituzione italiana.

Un Paese che è ultimo in tutte le classifiche virtuose europee – in quanto a spesa per l’istruzione, la cultura, il numero di laureati, l’occupazione giovanile, la prevenzione sismica e idrogeologica e la criminalità organizzata e via elencando – non può più permettersi di svettare invece ai primi posti per la spesa pubblica militare, sperperando 23 miliardi all’anno (63 milioni al giorno!) in armamenti. Risorse sottratte alla difesa dalle minacce reali rendono tutti più insicuri.

Oggi un’altra difesa è possibile e necessaria, quella dei diritti sociali dei cittadini e quella della pace, spostando risorse dalla difesa militare alla difesa civile, non armata e nonviolenta.

Un Paese che ospita sul suo territorio decine di testate nucleari, all’interno delle basi militari USA di Ghedi e di Aviano, e che acquista 90 cacciabombardieri F35 – all’inaudito costo di 14 miliardi di euro – progettati per trasportare bombe atomiche, non può non ratificare il Trattato ONU per la messa al bando delle armi nucleari. Dentro allo scandalo della nuova corsa agli armamenti, gli ammodernamenti degli arsenali nucleari puntati contro le teste di tutti sono il vertice della follia.

Oggi, che anche il premio Nobel 2017 è stato dato alla Campagna internazionale per la messa al bando delle armi nucleari, è necessario chiedere al nostro governo “Italia ripensaci”: sottoscrivi il trattato per l’abolizione delle armi nucleari.

Per questo, a cento anni dalla “inutile strage”, il 4 novembre cittadine e cittadini di Reggio Emilia si ritroveranno in piazza della “Vittoria” per dire basta armi nucleari e spese militari: un’altra difesa è possibile.

Lo faranno ricordando anche Mario Baricchi e Fermo Angioletti, i giovanissimi reggiani che il 25 febbraio del 1915 furono uccisi dal regio esercito mentre protestavano contro l’ingresso dell’Italia nella grande guerra.

Lo faranno realizzando un grande e luminoso simbolo di pace alla cui costruzione sono invitati tutti i costruttori di pace. Porta un lumino ed una bandiera della pace.

Ritrovo alle ore 17.00 di fronte al Teatro Ariosto (piazza della Vittoria) corteo fino a piazza Prampolini. Realizzazione di una installazione luminosa per la pace e interventi al microfono.

promuovono:

  • Movimento Nonviolento – Centro di Reggio Emilia
  • Alleanza popolare per la democrazia e l’uguaglianza
  • Amar
  • Arsave – Laboratorio per la città che vogliamo
  • Associazione culturale Laboratorio delle Idee
  • Associazione Jaima Sahrawi 
  • Associazione reggiana per la Costituzione
  • BDS
  • Centro per la salvaguardia del creato e la riconciliazione dei popoli
    Paride Allegri
  • Coordinamento Democrazia Costituzionale – RE
  • Coordinamento “Reggio Emilia per Aleppo”
  • Emergency
  • Iniziativa Laica
  • Mirnimost – Un ponte per la pace
  • Partito Comunista Italiano
  • Pollicino gnus
  • Possibile
  • Rifondazione Comunista
  • Sinistra Italiana
  1. Franco Ferrario 2 novembre 2017, 22:06

    Col 4 Novembre si avvicinano anche quest’anno le “gite” delle scolaresche dei nostri bambini all’interno delle caserme delle Forze Armate… In questo Paese che proclama da un lato di “ripudiare” la guerra e dall’altro accetta di delegare nei fatti l’educazione alla Pace a coloro che – con fatti concludenti che spesso oltrepassano i limiti della ragionevolezza e della legalità – “insegnano” che sparare centrando il bersaglio è il modo migliore, per raggiungere e difendere l’obiettivo della Pace.
    Ti chiedo di firmare e di “fare coraggiosamente eco” se ne condividi il contenuto… di chiedere esplicitamente ai tuoi amici di firmare e di diffondere in modo da riuscire a raggiungere per il prossimo 4 novembre il traguardo delle 1500 firme…
    ecco il link, al cui interno – nella sezione “aggiornamenti” – potrai trovare anche rimandi ad un articolo comparso a riguardo sulla rivista “Missione Oggi”, all’interrogazione parlamentare al Ministro della Difesa ed alla vigente normativa in materia di armi e minori.
    https://www.change.org/p/ministero-della-difesa-ministero-dell-istruzione-dell-universit%C3%A0-e-della-ricerca-promuova-percorsi-didattici-capaci-di-educare-alla-pace-ed-alla-risoluzione-nonviolenta-dei-conflitti-e-condanni-esplicitamente-ogni-iniziativa-che-abbia-a-coinvolgere-a

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Prima le donne e i bambini

Caterina Elena Michele Monica di Caterina Elena Michele Monica


Filastrocca del cerotto »

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Noi vogliam odio »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Come se fosse qui »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Comincia la scuola »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Immagini in movimento - verso orizzonti intravisti

Gianluca Pelleschi e Enrico Pompeo di Gianluca Pelleschi e Enrico Pompeo


Recensione film: La battaglia di Hacksaw Ridge »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »