L’esperienza del Centro Territoriale di Brescia: in cammino con la nonviolenza

L’esperienza del Centro Territoriale di Brescia: in cammino con la nonviolenza

a Cura di Claudia Capra

Per una partecipazione attiva sul territorio,

per una città aperta, solidale e condivisa

La sezione bresciana del Movimento Nonviolento è attiva in città da ormai 45 anni! Dal nostro Centro per la Nonviolenza di via Milano, che condividiamo con il MIR, sono passate nel corso di questi anni , migliaia di persone ,che hanno condiviso numerose esperienze, dalle lotte per il riconoscimento dell’odc, a quelle per il disarmo e l’obiezione fiscale, contro il nucleare, la produzione e il commercio delle armi, contro le basi militari , con proposte e sperimentazioni nell’ ambito dell’educazione nonviolenta , il consumo critico e gli stili di vita alternativi.

Siamo una presenza conosciuta e riconosciuta in città e ci relazioniamo costantemente con molte altre realtà associative presenti sul territorio, oltre che con la stampa e le istituzioni locali.

La nonviolenza è stata ed è, per noi, un percorso di approfondimento e riflessione sia individuale che collettiva che si realizza nel confronto, nell’azione comune, nella sperimentazione, nel dialogo e nella partecipazione attiva alla vita della nostra città.

Dando per acquisite in questo breve intervento le motivazioni etiche, filosofiche e politiche sottese alla nostra azione concreta, che trae ispirazione dagli insegnamenti dei grandi maestri della nonviolenza, e che altri hanno già esposto nei vari interventi precongressuali,

ci limiteremo qui ad un breve resoconto delle nostre più recenti attività nell’intento di documentare l’azione che un piccolo gruppo come il nostro può proporre nel segno di quelle tre semplici, fondamentali parole che il nostro maestro Pietro Pinna ci ha consegnato e che costituiscono il tema di questo congresso: coerenza, continuità, convinzione.

Noi ci proviamo e questo è quanto abbiamo messo in campo dal nostro ultimo congresso a Torino.

PRESENZA IN CITTA’ TEMATICHE LOCALI:

  • Facciamo parte del Comitato antifascista che si batte affinché non venga ricollocata la statua intitolata “L’era fascista” in una delle piazze più conosciute della città, l’azione del Comitato (flash-mob, volantinaggi, incontro, conferenze stampa) è stata fondamentale e attualmente l’Amministrazione ha sospeso l’iniziativa e si lavora ad un progetto alternativo.
  • Nel corso delle ultime elezioni amministrative abbiamo mantenuto contatti attivi con una lista civica e abbiamo affisso manifesti in tutta la città a sostegno del disarmo proponendo di votare quei partiti che avevano nel loro programma la riduzione delle spese militari.
  • Partecipiamo attivamente al Comitato Piazza di Maggio che si riunisce presso la nostra sede e , da molti anni a questa parte gestisce , con iniziative varie non ritualmente commemorative,il pomeriggio in piazza della Loggia, nell’anniversario della strage fascista. Il motto del gruppo è “nostra piazza è il mondo intero” ed ogni anno si raccontano vicende di resistenza alla violenza di tutto il mondo.
  • Collaboriamo con il Comitato di quartiere del Centro Storico nel recupero di un rifugio antiaereo della seconda guerra mondiale, perché venga restituito alla città come memoria storica degli orrori della guerra. Sono già state fatte iniziative con i ragazzi delle scuole ed esposizioni artistiche e si sta lavorando affinché venga intitolato alla memoria di Vittorio Arrigoni.
  • In occasione del 25 aprile di due anni fa abbiamo avviato, con altre realtà locali e in collaborazione con l’Amministrazione Comunale,, il progetto sulla “Resistenza non armata”. Dopo gli incontri con la presentazione dei libri di E.Ongaro e A.Bravo, e un incontro commemorativo con le autorità in Loggia, è stata posata, presso un monumento ai partigiani nel centro storico di Brescia, una lapide a ricordo degli uomini e delle donne che si sono ribellate, senza armi, alla brutalità del fascismo e dell’occupazione nazista.
  • In collaborazione con l’Amministrazione Comunale e altre Associazioni abbiamo partecipato e promosso iniziative pubbliche per commemorare Gabriele Moreno Locatelli, amico della nonviolenza, ucciso a Sarajevo durante la guerra.in Bosnia Queste iniziative hanno portato all’inaugurazione di un parco pubblico intitolato a Moreno, che è stato ricordato con appassionate testimonianze e letture sulla nonviolenza
  • Partecipazione attiva al Comitato in difesa della Costituzione e campagna per il No al Referendum

ANTIMILITARISMO – PACE – DISARMO – CAMPAGNA PER LA DIFESA CIVILE-

Brescia è stata sede nazionale della raccolta delle firme. Per un mese, tutti i giorni, volontari di Brescia, Verona e Ferrara hanno contato e controllato tutte le firme. In città abbiamo allestito numerosi gazebo e banchetti per la raccolta delle firme, così pure in alcuni comuni della provincia.

Cinque Sindaci hanno aderito alla Campagna con iniziative pubbliche locali.

Abbiamo poi sostenuto la fase due della Campagna con la raccolta di centinaia di cartoline da inviare ai Parlamentari.

COMITATO NO F 35 – Siamo parte attiva del Comitato che ha organizzato vari presidi, banchetti in centro, iniziative locali, incontri con il Ministro Mauro, con Parlamentari e Sindaci della nostra provincia, manifestazioni alla base di Ghedi, per sensibilizzare sull’assurdità delle spese militari e contro l’acquisto degli F35. e per la messa al bando delle armi nucleari

6 AGOSTO – PER UN MONDO SENZA ATOMICHE – Tutti gli anni proponiamo iniziative a ricordo e monito dell’anniversario di Hiroshima : fiaccolata cittadina, letture, musica, biciclettata, commemorazione pubblica presso il museo di S.Giulia con la partecipazione di rappresentanti dell’Amministrazione Comunale e dell’Associazione Italia- Giappone

2 GIUGNO– volantinaggi, lettere, comunicati stampa per una riappropriazione civile delle festa della Repubblica, contro la parata militare in città . Stiamo valutando la possibilità di avviare con l’Amministrazione comunale una cerimonia pubblica volta a rendere il 2 giugno festa delle “Nuove cittadinanze” con la consegna della Costituzione a tutti i diciottenni: ai nostri ragazzi e a quelli che

venendo da altri Paesi hanno deciso di diventare cittadini italiani.

2 OTTOBRE– da alcuni anni, in occasione della giornata mondiale della nonviolenza, contattiamo le librerie e biblioteche bresciane affinché espongano testi e propongano letture sui temi della nonviolenza. L’anno scorso abbiamo poi inaugurato, con una bella festa, la nuova gestione della nostra biblioteca che dispone di più di quattromila volumi.

MAYORS FOR PEACE – sosteniamo attivamente la rete dei Sindaci per la Pace, con i quali abbiamo realizzato varie iniziative, attualmente a Brescia molti Comuni fanno parte di questa rete

MOSTRE : esposizione della mostra “Abbasso la guerra” in varie scuole cittadine e della provincia

BOMBE ITALIANE ALL’ARABIA SAUDITA – in collaborazione con la Rete Disarmo abbiamo presentato un esposto alla procura di Brescia chiedendo accertamenti finalizzati alla sospensione dell’invio di armamenti verso l’Arabia Saudita. La Procura ha aperto un’ inchiesta, tuttora in corso, relativa all’ipotesi di violazione della normativa sull’export militare.

MARCE e INIZIATIVE PER LA PACE: collaboriamo e partecipiamo alla Marcia per la Pace di Franciacorta, Marcia per il dialogo interreligioso, Marcia per la pace di Collebeato, Germogli di Pace, Citie for Life

L’OBBEDIENZA NON E’ PIU’NUNA VIRTU’ –In occasione del 50 esimo della lettera ai cappellani lettura della lettera di don Milani in Piazza della Loggia con la partecipazione alla lettura di assessori, consiglieri comunali e cittadini

EDUCAZIONE ALLA PACE E ALLA NONVIOLENZA

  • ciclo di incontri di lettura e commento sul tema dei sui Corpi Civili di Pace
  • ciclo di incontri con il Prof. P. Zanelli sul pensiero di Aldo Capitini: antifascismo, partecipazione dal basso, aggiunta religiosa, nonviolenza, compresenza.
  • ciclo di incontri sul tema dei conflitti interpersonali
  • incontro con Amico Dolci, figlio di Danilo
  • incontro con una lingua condivisa: l’esperanto
  • incontro sulla nonviolenza in America Latina con il giornalista M. Campagnaro
  • Rassegna cinematografica “Il Cinema che svuota la violenza” in una sala cittadina
  • Presentazione di libri: E.Ongaro: resistenza nonviolenta – A.Bravo: la conta dei salvati – Franzinelli: Disertori – C.Bedussi: Eremo d’Inverno – Vignarca: Il caro armato –

PROGETTO IL CORTILE: sostegno di aiuto compiti e perfezionamento lingua italiana per i bambini pakistani che abitano nel nostro cortile

INCONTRI CON LE SCUOLE: abbiamo partecipato ad incontri con le scuole superiori sulla risoluzione nonviolenta dei conflitti

PROGETTO KAKI Rinascita del tempo : partecipiamo al Comitato che promuove la piantumazione delle piante di kaki eredi di quella sopravvissuta alla bomba H di Nagasaki in varie . Attualmente già decine di scuole e raltà locali hanno aderito all’iniziativa.

GIORNO DEL RICORDO: in collaborazione con Casa della Memoria, Fondazione Micheletti, ANPI e ANED abbiamo promosso, per insegnanti ed alunni un ciclo di incontri con storici e ricercatori per una corretta informazione storica sulle controverse vicende del confine orientale, l’esodo istriano e le “foibe”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Poveri noi, aporofobi »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Teologia rovesciata »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Comincia la scuola »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Immagini in movimento - verso orizzonti intravisti

Gianluca Pelleschi e Enrico Pompeo di Gianluca Pelleschi e Enrico Pompeo


Recensione film: La battaglia di Hacksaw Ridge »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »