Una Giornata di digiuno, preghiera e impegno per la pace

Una Giornata di digiuno, preghiera e impegno per la pace

A ciascuno di fare qualcosa per la pace. Venerdì 23 febbraio il Movimento Nonviolento aderisce all’appello di papa Francesco

“Ognuno può dire concretamente ‘no’ alla violenza per quanto dipende da lui o da lei. Perché le vittorie ottenute con la violenza sono false vittorie; mentre lavorare per la pace fa bene a tutti”,  così dice Papa Francesco che porta l’attenzione particolarmente sulle sofferenze dimenticate e trascurate “delle popolazioni della Repubblica Democratica del Congo e del Sud Sudan

Il Papa invita “anche i fratelli e le sorelle non cattolici e non cristiani ad associarsi a questa iniziativa nelle modalità che riterranno più opportune”.

E’ un invito che raccogliamo volentieri e riproponiamo come Movimento Nonviolento anche ad altri. “Tanto dilagheranno violenza e materialismo, che ne verrà stanchezza e disgusto“, scriveva Aldo Capitini nel 1936 in pieno regime fascista, nell’indifferenza generale, se non nell’ostilità, anche delle gerarchie ecclesiastiche di allora, ancora legate alla teologia della guerra giusta.

Qualcosa era già mutato anche prima, ma con il pontificato di Bergoglio l’annuncio profetico della nonviolenza si è fatto costante e preciso. In quest’uomo di religione sentiamo presente la convinzione che “la nonviolenza è il punto della tensione più profonda tesa al sovvertimento di una società inadeguata”. Di questa tensione abbiamo bisogno per affrontare positivamente una violenza crescente, in campo internazionale e interno ai diversi Paesi. Compreso il nostro.

Papa Francesco ci esorta a domandarci “che cosa posso fare io per la pace?

Rispondiamo ancora con le parole di Capitini: vogliamo “sottrarre l’anima ad ogni collaborazione con l’errore della violenza, ed instaurare subito, a cominciare dal proprio animo (che è il primo progresso), un nuovo modo di sentire la vita: il sentimento che il mondo ci è estraneo se ci si deve stare senza amore, senza una apertura infinita dell’uno verso l’altro, senza una unione di sopra a tante differenze e tanto soffrire. Questo è il varco attuale della storia“.

Per queste ragioni il Movimento Nonviolento invita tutti ad unirsi il prossimo 23 febbraio alla Giornata promossa da papa Francesco, attraverso il digiuno, l’impegno, la preghiera, o una laica meditazione per la pace.

Movimento Nonviolento

via Spagna, 8 – Verona

Tel. 045 8009803

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Partinico e Trappeto sono vicini »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


RE MIDA (al contrario) »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Del diritto d'insurrezione, e del dovere. »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »