Il Movimento Nonviolento e il referendum NOTRIV del 17 aprile 2016

Il Movimento Nonviolento e il referendum NOTRIV del 17 aprile 2016

Insieme alla legge di iniziativa popolare, il referendum abrogativo è lo strumento che la Costituzione (articoli 71 e 75) ha messo a disposizione dei cittadini affinché possano esercitare direttamente il ruolo del legislatore: proporre o cancellare una Legge.

Nei mesi scorsi come amici della nonviolenza ci siamo fatti promotori di un testo legislativo per istituire nel nostro paese la “Difesa civile non armata e nonviolenta”. Ora, con il referendum del 17 aprile abbiamo la possibilità di “difendere” il Mare Adriatico dai rischi causati dalla presenza delle trivelle estrattive.

Al di là dei motivi tecnici, specifici e particolari, contenuti nel quesito referendario, pensiamo che questa volta debba prevalere l’aspetto politico della vicenda, cioè la tutela ambientale dei nostri mari e la scelta energetica per le fonti rinnovabili con il progressivo abbandono dell’energia derivante dai combustibili fossili.

Esercitare il diritto/dovere di voto è una scelta di cittadinanza attiva alla quale non vogliamo rinunciare. Votare SI’ è l’opzione giusta per costringere il Parlamento e il governo ad una nuova politica ambientale ed energetica rispettosa degli impegni presi alla conferenza Cop21 di Parigi sul clima. Da qualche parte si deve pur iniziare per invertire la rotta di uno sviluppo dissennato che porterebbe al tracollo ecologico: cominciamo il 17 aprile a costruire un futuro amico.

Movimento Nonviolento

via Spagna, 8 – 37123 Verona

www.azionenonviolenta.it

www.nonviolenti.org

9 aprile 2016

  1. Ottimo, anche come gruppo del Movimento Nonviolento di Nuoro abbiamo fatto un comunicato, pubblicato sul quotidiano più difuso nella nostra Isola “La Nuova Sardegna” integralmente, grazie a Dio, nel quale in quanto sardi conosciamo le conseguenze di risorse usate male, oltre che le problematiche legate con le trivelle. all’inquinamento dei mari, quindi sopratutto un problema ecologico anche se in Sardegna non ci sono Trivelle petrolifere. L’importante è andare a votare e votare SI.

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Poche storie: è il sangue che decide »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Comincia la scuola »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Immagini in movimento - verso orizzonti intravisti

Gianluca Pelleschi e Enrico Pompeo di Gianluca Pelleschi e Enrico Pompeo


Recensione film: La battaglia di Hacksaw Ridge »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »