“Insicurezza, rancore, farsi giustizia: dentro l’Italia che si arma.” A Vicenza, un incontro quanto mai opportuno

“Insicurezza, rancore, farsi giustizia: dentro l’Italia che si arma.” A Vicenza, un incontro quanto mai opportuno

“Insicurezza, rancore, farsi giustizia: dentro l’Italia che si arma”: è il titolo dell’incontro
pubblico che si terrà sabato 10 febbraio (ore 15) presso la sala conferenze dell’Istituto Missionari
Saveriani in viale Trento 119 a Vicenza. L’incontro è promosso dall’Osservatorio permanente sulle
armi leggere e politiche di sicurezza e difesa (OPAL) di Brescia insieme alla Rete Italiana per il
Disarmo (la presentazione è in calce a questo comunicato). Il terribile attentato di Macerata, in cui
un giovane ha scaricato due caricatori dalla sua pistola, legalmente detenuta per uso sportivo,
contro le persone di colore, evidenziano l’attualità del convegno, in programma già da tempo.

Tra i relatori vi saranno, Riccardo Icona, giornalista e conduttore del programma Presa
Diretta di Rai3 che lo scorso ottobre ha dedicato una puntata al tema “Legittima difesa”, il quale
presenterà la sua inchiesta sulla diffusione delle armi in Italia e negli Stati Uniti; Giorgio Beretta,
analista dell’Osservatorio OPAL, che esporrà le questioni riguardanti le norme e la trasparenza
delle informazioni sulle armi in Italia e i risultati preliminari di un’indagine su omicidi, suicidi e reati
in Italia con armi regolarmente detenute; Pasquale Pugliese, Segretario del Movimento
Nonviolento, che presenterà le proposte per un’altra sicurezza possibile e realistica, fondata sulla
costruzione della cultura della nonviolenza e della buona convivenza.

Al convegno sono stati invitati anche i sindaci di Vicenza e di Rimini per presentare la
posizione delle rispettive Amministrazioni comunali riguardo al salone fieristico HIT Show. Il
convegno si terrà, infatti, nella giornata di inizio di HIT Show (Hunting, Individual Protection and
Target Sports), la manifestazione fieristica e salone delle “armi comuni” che da quattro anni si
svolge a Vicenza. Le Amministrazioni comunali e provinciali di Rimini e di Vicenza sono tra i
principali soci azionisti pubblici di Italian Exhibition Group (IEG), la società nata nel 2016 dalla
fusione tra Rimini Fiere e Fiera di Vicenza, che insieme ad ANPAM (Associazione nazionale
produttori di armi e munizioni) promuove la manifestazione fieristica HIT Show. (vedasi allegato)

L’Osservatorio OPAL e la Rete Italiana per il Disarmo, fin dalla prima edizione di HIT Show,
hanno espresso all’Amministrazione comunale di Vicenza una serie di criticità riguardanti il
Regolamento della manifestazione fieristica: tali istanze sono state recepite da una Mozione,
approvata all’unanimità in Consiglio Comunale a Vicenza lo scorso 21 settembre, che impegna
l’Amministrazione comunale, in ragione della sua partecipazione azionaria in Italian Exhibition
Group (IEG), “ad esercitare la sua preziosa moral suasion nei confronti degli organizzatori di HIT Show, perché si arrivi al più presto e, comunque, prima della prossima edizione a definire un
nuovo regolamento che riguardi sia i visitatori che gli espositori della manifestazione fieristica”.
Nonostante questo impegno, al momento non è stata apportata alcuna modifica al Regolamento
del Visitatore di HIT Show.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Una giornata per la pace »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Antifascismo 2.0. »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Comincia la scuola »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »