Microbiografie / 12 – una signora davanti al lavasecco

Microbiografie / 12 – una signora davanti al lavasecco

Lo stupore è un atteggiamento meraviglioso. Chi lavora coi bambini lo conosce bene:

– Davvero posso andare a giocare nel fango, e tu non mi sgridi?
– Davvero – ma davvero davvero – adesso andiamo a colorare i marciapiedi col gesso?
– Veramente Peter Pan può volare?

È un misto di incredulità (il “Davvero?” dei bambini) e di scoperta del mondo. Un momento bellissimo.

È tipico dei bambini, ma a noi grandi non è del tutto precluso; e fortunato quell’adulto che si riscopre capace di stupore davanti alla natura, a due begli occhi, a una riflessione sulla vita.

Così, dopo la Pasqua, riapre il nostro ipermercato di riferimento e vado a portare i giacconi invernali al lavasecco. Non è stata un’idea granché originale, perché c’è una fila chilometrica.
Mi ci aggiungo, e aspetto.

Di lato, rispetto alla fila, arriva una signora che mi guarda con grandi occhi spalancati e improntati – appunto – al più grande stupore. Mi chiede: “Bisogna far la fila per il lavasecco?”.

La risposta più logica sarebbe stata: “No, certo. Noi siamo qui per l’incontro della comunità Maya di Ferrara, e celebriamo il risveglio primaverile di Quetzacoatl, il grande serpente piumato! Il lavasecco è alla porta successiva!”.
Invece rispondo più sinteticamente: “Eh, sì!”.

La signora – chiaramente insoddisfatta della mia risposta – cambia espressione dallo stupore allo sdegno e, di malavoglia, si mette in fila.

Rifletto sullo sguardo di stupore con cui mi si è avvicinata qualche secondo prima.
È lo stesso di chi parcheggia in uno spazio riservato ai disabili e chiede al vigile: “Devo andare via?”, o del calciatore che in piena area ha appena spezzato tibia e perone all’avversario e si meraviglia: “Ma è rigore?” o, ancora, del cittadino che usufruisce dei servizi che lo Stato gli dà e poi si chiede, francamente stupito, perché debba pagare le tasse.

Lo stupore del bambino è la festa di chi scopre il mondo, la sua grandezza, il suo infinito ventaglio di possibilità.
Lo stupore di noi adulti, troppo spesso, è legato alla inattesa scoperta che non siamo il centro del mondo e che, nella relazione con gli altri, ci sono limiti e regole da rispettare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Rifugiati e migranti in Costituzione »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Resurrectio Mortuarum. Le sorelle Mirabal »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Ad un mese dalla Perugia-Assisi »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Rinnovare la marcia Sarda della Pace »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »