Microbiografie / 22 – Tragedie

Microbiografie / 22 – Tragedie

Lunedì mattina. Manca qualche minuto alle 9 e mi preparo alla prima riunione.

 

Nel tirarli fuori dalla custodia, gli occhiali si spezzano e una lente vola qualche metro lontano con una elegante parabola, espressa dall’equazione y=ax^2+bx+c.

In un secondo, rimango privo della capacità di leggere che l’evoluzione era riuscita a darmi in milioni di anni.

Finisco, a fatica, la mattinata di lavoro e nella pausa pranzo cerco disperatamente una farmacia che faccia orario continuato.

La trovo.

Mi metto in coda.

Davanti a me c’è una signora piccolina.

Non ha più nemmeno un capello, e il braccio sinistro è gonfio come un pallone da calcio.

Operata al seno” penso automaticamente, come se queste parole potessero servire a chissà che cosa. Distolgo immediatamente lo sguardo e, se mai potessi, il pensiero.

Vicino c’è la figlia. Le accarezza la testa pelata come si fai coi bambini, la regge per il braccio sano anche se la signora è stabilissima sulle sue gambe. La tocca in continuazione. Le sorride.

Le rassegne stampa della mattina erano state monotematiche: l’unico argomento sembravano essere le “secessioni”. La Catalogna che “No es España”, il Lombardo-Veneto che vuole rimettere sul trono Maria Teresa d’Austria, Theresa May che tenta di salvare il proprio posto di lavoro dichiarando la Brexit “No-deal”, la Vojvodina che, per chiudere il cerchio, scopre di essere uguale alla Catalogna.

L’impressione generale è che a cercare la secessione siano sempre i ricchi, preoccupatissimi che le loro tasse possano inopinatamente servire per i poveri, ma questa è l’impressione mia, cioè dell’uomo che ha vinto per un decennio, senza rivali, il premio mondiale per l’incompetenza politico-culturale.

C’è sempre una risonanza – una sorta di simmetria – tra le tragedie individuali e quelle dei popoli.

È triste dirlo ma quante volte – per riscoprire il bisogno di amarci, per ricominciare a vedere la bellezza e la ricchezza dell’altro, per comprendere che siamo noi stessi solo quando siamo in relazione – abbiamo avuto bisogno di una tragedia?


Così per le nazioni. I cui attuali governanti sembrano incapaci di pensare in grande e in profondità. Conta l’obiettivo a breve termine.

Espellere qualche diverso.

Staccarsi dalla comunità.

Ritrovarsi un po’ più ricchi.


Il braccio edematico o il seno inciso dal bisturi sono segno di tessuti offesi e sofferenti.

Non meno offeso e sofferente è il tessuto che dovrebbe legarci tutti.


Riscoprirci bisognosi – uomini e nazioni – di qualcuno che ci accarezzi la testa o ci sorregga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Non ci sono più i giovani di una volta »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Del diritto d'insurrezione, e del dovere. »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Dialogo fra due panchine »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »