Mobilitazione in Sardegna contro le scorie radioattive

Mobilitazione in Sardegna contro le scorie radioattive

Si è costituito a Nuoro il 27/02 (e in altre Città Come Cagliari e Oristano) un Comitato contro i depositi di stoccaggio di scorie radioattive e nucleari.

Detti comitati si propongono di sviluppare nella nostra Regione delle campagne nonviolente di sensibilizzazione contro l’invio di scorie in Sardegna. Già nel 2011 il 97% dei sardi, attraverso un referendum consultivo regionale, si erano espressi contro l’installazione di una centrale nucleare e il transito di scorie radioattive e nucleari nella nostra Isola.
Ora si tratterebbe di riprendere la mobilitazione con un appello e partecipazione popolare a detta lotta nonviolenta antinucleare. I Comitati sardi non vogliono solo difendere il territorio sardo da questa minaccia, ma sono contrari a qualsiasi imposizione di stoccaggio e transito di scorie radioattive in qualsiasi parte d’Italia. Tuttavia questa minaccia è più esplicita per la Sardegna a seguito di diverse dichiarazioni ufficiali di eminenti esponenti governativi che hanno confermato il progetto scorie radioattive proprio nella nostra Regione.

Guido Ghiani ( del Movimento Nonviolento) da Nuoro.

(immagine tratta da www.centrometeoitaliano.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Partinico e Trappeto sono vicini »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


RE MIDA (al contrario) »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Del diritto d'insurrezione, e del dovere. »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »