Torino: cambiamo nome a Lungo Po Luigi Cadorna

Torino: cambiamo nome a Lungo Po Luigi Cadorna

Pubblichiamo questa lettera che Sergio Albesano, storico amico della nonviolenza piemontese, ha scritto alla sindaca della sua città Chiara Appendino

Gent.ma
Chiara Appendino
Sindaco di Torino
c/o Municipio
Piazza Palazzo di Città, 1
10122 Torino TO

Nella toponomastica della città di Torino esiste Lungo Po Luigi Cadorna.
La figura di questo generale è da sempre molto discussa. Comandante supremo dell’esercito italiano fino alla disfatta di Caporetto, da subito si distinse per la scarsa considerazione della vita dei soldati che mandava all’assalto senza nessuna protezione e per quelli che decimava.

In un telegramma da lui inviato il 1° novembre 1916 scrisse: “Ricordo che non vi è altro mezzo idoneo per reprimere i reati collettivi che quello dell’immediata fucilazione dei maggior colpevoli e, allorché l’accertamento dell’identità personale dei responsabili non sia possibile, rimane ai comandati il diritto e il dovere di estrarre a sorte tra gli indiziati alcuni militari e punirli con la pena di morte”.

Nel centenario del drammatico triennio 1915-18, si dirada la retorica che ha caratterizzato il dibattito sulla prima guerra mondiale e gli storici riconoscono le gravi colpe e responsabilità del capo di stato maggiore.
A Udine il sindaco ha accolto la proposta di cancellare il nome di Cadorna dalle vie e dalle piazze d’Italia, modificando il nome di una piazza prima dedicata a Cadorna in piazza dell’Unità d’Italia.
Lo scrittore Ferdinando Camon ha scritto: “Aver dato il nome di Cardorna è stato, ieri, un errore. Mantenerlo ancora diventa, ormai, una colpa”.

Ritengo opportuno dedicare il nome delle nostre vie non a una persona che trattava gli esseri umani come carne da macello, ma ai molti giovani, spesso contadini analfabeti, che hanno disertato o sono stati renitenti, restituendo così l’onore a coloro che rifiutarono il massacro reciproco, cercando di salvare la propria vita e salvando così anche quella dei cosiddetti nemici.
Mi permetto quindi di sottoporre alla Sua attenzione la proposta di modificare a Torino il nome di quel tratto di Lungo Po in “Lungo Po Disertori della prima guerra mondiale”.
Rimango in attesa di Sue decisioni al riguardo.

Cordiali saluti.

Sergio Albesano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


L’ignoranza non è più beata »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


RE MIDA (al contrario) »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Del diritto d'insurrezione, e del dovere. »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »