Il Viceministro greco alla Difesa: “risolveremo i problemi degli obiettori”

Il Viceministro greco alla Difesa: “risolveremo i problemi degli obiettori”

Ieri pomeriggio (21 novembre) una delegazione dell’Ebco ha incontrato il Viceministro della Difesa greco Dimitris Vitsas.

Il tutto è avvenuto dopo che il Beoc si è riunito ad Atene per la propria Assemblea Generale ed il lancio del Rapporto 2016 sull’obiezione di coscienza in Europa.

Il luogo d’incontro è stato scelto proprio perché la Grecia è stato il tema centrale del rapporto.

Infatti, questo Paese ha appena visto la condizione degli obiettori posta sotto esame da parte del Comitato diritti umani Onu (ottobre 2015), dal Comitato europeo per i diritti sociali del Consiglio d’Europa (conclusioni a dicembre 2016); oltre ad essere stata sottoposta anche alla Revisione Universale Periodica Onu (maggio 2016).

Lo scopo dell’incontro con il viceministro è stato quello di chiedere di porre fine alle pesanti discriminazioni che a tutt’oggi subiscono gli obiettori greci. Per esempio, le autorità stentano a riconoscere lo status a coloro che non siano Testimoni di Jehovah, oltre al fatto che la gestione della procedura dovrebbe essere trasferita ad un ministero civile.

Il vice ministro ha riconosciuto i problemi esistenti, ed ha quindi esternato l’intenzione di presentare al parlamento, probabilmente nel primo semestre 2017, un disegno di legge sull’obiezione di coscienza che vedrebbe come firmatari tre ministeri (Difesa, Interni e Giustizia). L’idea è appunto quella di trasferire il riconoscimento dello status e la gestione del servizio civile alternativo ad un ministero civile.

Il viceministro vuole anche porre fine una volta per tutte al perseguimento giudiziario dei disertori a cui finora non è stato riconosciuto lo status. Questi ultimi hanno visto incardinarsi a proprio carico un processo penale dietro l’altro. Uno per ogni chiamata al servizio militare a cui non hanno risposto.

Speriamo quindi che la continua azione di lobby del Beoc porti finalmente ad un pieno riconosciuto del diritto all’obiezione di coscienza agli obiettori greci.

Nella foto da sinistra: Derek Brett (International Fellowship of Reconciliation), Jordi Tolrà (Moviment por la pau), Dimitris Vitsas ( Vice ministro della Difesa greco), Yannis Chryssoverghis (Associazione greca degli obiettori di coscienza) e Sam Biesemans (vice presidente del Beoc).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


La festa e il lavoro »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Rom e Sinti »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Non diventare nazisti. »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


A chi ha finito le parole »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »