Brescia: 5 novembre incontro su Capitini, Costituzione e potere dal basso

Brescia: 5 novembre incontro su Capitini, Costituzione e potere dal basso

Proseguono le iniziative per il 50° anniversario della morte di Aldo Capitini.

LUNEDI’ 5 NOVEMBRE alle ore 20,45 presso il MO.CA via Moretto 78

con DANIELE LUGLI amico e collaboratore di Capitini

PIETRO ZANELLI Presidente dell’Associazione Odradek XXI

“Per orientarsi anche oggi bisogna, secondo me, rifarsi alla lotta contro il fascismo, nel quale era possibile vedere in un fascio tutto ciò a cui si deve contrastare: illibertà, sfruttamento, corruzione burocratica, patriottismo scolastico, militarismo e macchiavellismo, istituzionalismo religioso connivente, centralismo e strapotere poliziesco ecc. Per questo svolsi un lavoro di collegamento e di orientamento verso una sintesi di libertà (scissa dal privilegio) e di socialismo (sottratto alla chiusura del collettivismo burocratico).
E di questa dinamica sintesi liberalsocialista (in cui l’un termine, non annacquasse, ma stimolasse l’altro, la libertà il socialismo, il socialismo la libertà) vedevo come sostenitori e realizzatori non una classe o una sezione di cittadini, ma tutti, e in particolare le moltitudini che sostanzialmente non fruivano né di libertà né di giustizia.”

(Aldo Capitini – Aggiunta religiosa all’opposizione, 1958)

Movimento Nonviolento Brescia

RUBRICHE

Prima le donne e i bambini

Elena Buccoliero di Elena Buccoliero


Brindisi per Margherita »

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


C’era una volta un socialista così »

Consigli di lettura

Enrico Pompeo di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 14 »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Resurrectio Mortuarum. Le sorelle Mirabal »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »