Diabullik. Pregi e difetti della “Violenza di classe”

Diabullik. Pregi e difetti della “Violenza di classe”

Il n. 10/2019 di Diabolik si intitola “Violenza di classe” ed è dedicato al bullismo. Una trovata non del tutto nuova – i personaggi dei fumetti sono da tempo utilizzati per lanciare messaggi educativi o affrontare fenomeni sociali di attualità – ma indubbiamente interessante.

Premetto che Diabolik, come altri eroi di carta, per me è stato una scoperta adulta, dettata dalla curiosità e dal desiderio di un compagno di viaggio nei miei tragitti di pendolare. Una compagnia discreta e limitata nel tempo, giusta per coprire una mezz’ora di treno. Dopo qualche mese ho smesso di leggerlo disturbata dall’eccessivo tasso di violenza, l’ho cercato di nuovo questa settimana stuzzicata dal tema.

Lo spunto è pensato bene, introdotto in modo un po’ troppo didascalico. E comunque: Marco Nelson fa il prepotente, insieme ai suoi due compari tiene la classe in scacco ma se la prende particolarmente con Michele Tryet, un compagno di famiglia modesta, balbuziente, molto bravo a scuola. Il tipico secchione imbranato e solo ma pieno di sentimenti.

Il padre di Marco è un riccastro con una facciata rispettabile e un’attività nascosta di spaccio di droga. È vedovo e dolorante per questo ma cerca di non darlo a vedere, vive arroccato nella sua super-casa difeso a ogni passo dai suoi guardaspalle. Il padre di Michele invece fa la guardia giurata, fatica a tirare avanti e compie ogni sacrifico col pensiero del figlio che però non ha il tempo di frequentare.

Entra in scena Eva Kant sotto forma di supplente dell’insegnante di storia – la titolare è noiosissima, quando proprio vuole svagarsi va al corso di taglio e cucito, e nel sotterraneo di Diabolik dove viene rinchiusa ci sta meglio che in albergo – con lo scopo di convocare a quattr’occhi il padre di Marco, narcotizzarlo con il Pentothal e fargli confessare il nascondiglio dell’ultimo bottino in modo che Diabolik, in ascolto con il radio-orologio, possa arraffarlo.

Le cose non vanno proprio come dovrebbero. Il colloquio è difficile da realizzare e intanto la professoressa Kant si appassiona al destino di Michele e decide di aiutarlo.

Di più è meglio non dire. L’evoluzione della storia è interessante e va scoperta. Quali sono i suoi pregi?

I personaggi sono ben tratteggiati, anche se lievemente stereotipati. Antipatico e strafottente è il bullo, che fa della prevaricazione il suo stile di vita sulle orme del padre il quale non ha difficoltà a teorizzarlo: il mondo è dei forti. La spinta al cambiamento viene proprio da Eva, con un Diabolik un po’ dietro le quinte che però interviene al momento giusto per fare vendetta. E meno male che ci sono i supereroi, perché il preside è un pusillanime asservito al denaro e al potere e gli altri adulti restano inesistenti. Michele, la vittima, compie un suo percorso interiore distruttivo che sarebbe stato sicuramente evitato se solo avesse ricevuto un briciolo di attenzione quando era il momento. La responsabilità degli spettatori è sicura ma va ricavata, non c’è nessuno tra i compagni a difenderlo e solo una ragazza, ma di sfuggita, si interroga sul limite di ciò che può essere sopportato. Il gruppo si ricompatterà soltanto grazie a Eva Kant che, ce lo ricorda, sa che cos’è subire vessazioni perché le è successo da ragazzina, ma ha saputo uscirne. È anche questo un tocco di realtà: non sono poche le ex vittime di bullismo che, riconquistata una maggiore sicurezza in se stesse, diventano paladine della giustizia. Può capitare anche agli ex bulli ma è più raro, occorre che insieme al ruolo sociale trasformino i valori di riferimento.

Meno male che il padre di Marco è un cattivone, nessun lettore sarà portato a compatirlo se avrà motivi di preoccupazione o dovesse capitargli qualcosa di spiacevole. Tanto più se a tenerlo sulla graticola sono Diabolik o Eva Kant. Per la verità lo rimette a pari anche un poliziotto, lui e i suoi colleghi intervengono in modo autorevole e con il giusto senso della misura, ma verranno scavalcati dal cattivone e i suoi sgherri, il che rende ancor più giustificati gli eccessi di Diabolik e Eva Kant. E in fondo questo è uno dei messaggi più potenti: schiacciare i deboli per puro sfizio è vile, bisognerebbe impedirlo in modo giusto, la realtà però ci dice che la legge è troppo debole, quindi ben vengano i “violenti buoni” capaci di fare in modo pulito quello che i comuni mortali non osano.

Proprio qui sta il punto debole del fumetto, che non appartiene alla trama ma alla scelta dei protagonisti. Pur dotati di un loro senso della giustizia e capaci di limitare la violenza quando la ritengono non necessaria, da sempre i due hanno un solo scopo – la loro ricchezza – e quando vengono intralciati si dedicano alla vendetta nei modi più diretti, o più raffinati, senza alcuna remora. Affascinanti quanto si vuole, belli e torniti, sono bulli a loro modo e non possono nascondere la contraddizione nel momento in cui applicano i loro canoni alla difesa di Michele.

Non di meno “Violenza di classe” è una bella storia, soprattutto dopo le prime pagine introduttive, e nelle mani di un buon insegnante o educatore può diventare uno strumento adeguato ad approfondire le dinamiche del bullismo e a mettere in discussione alcune regole, del gruppo o della società.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Prete operaio e altro ancora »

La mafia non è un cancro...

Vincenzo Sanfilippo di Vincenzo Sanfilippo


Mafie: tante vie per capire »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Lettera aperta a Greta Thunberg »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Sardegna: La nonviolenza inizia con la natura »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


Papà Mario e la sua lotta »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Dalle telecamere a scuola alla telescuola in camera? »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »