• 30 Novembre 2022 21:45

Microbiografie / 35 – Ridere (Pensiero di un educatore)

DiGiorgio Maghini

Feb 6, 2019

Ha ragione. Ridiamo tutti poco.
Non parlo, ovviamente, dei ghigni acidi, dei mezzi sorrisetti formali e dei ringhi minacciosi che incontriamo ogni giorno. Quelli non sono altro che l’espressione mimica di questa fottuta legge del più forte che sta paralizzando il mondo.

Parlo, invece, delle risate che esplodono quando ti senti libero e vivo.
Quelle, sono rare.

Giorni dopo – è quasi l’una di notte – sto tornando a casa a piedi da una riunione.

Sul marciapiede, incrocio quattro ragazzi reduci, evidentemente, da abbondanti libagioni. Tre si tengono per le braccia, formando un triangolo. Il quarto sale ondeggiando sulle loro spalle e alza i pugni al cielo.

Una volta assestatosi (faticosamente) sulla vetta, il ragazzo rutta.

Un rutto
interminabile,
ciclopico,
grottesco,
monumentale.

I suoi amici ridono talmente che lui finisce per cadere.
Io passo velocemente con la faccia severa dell’uomo di mezza età, ma dentro sto ridendo anch’io.

Mi nasce un pensiero da educatore.
Che forza fenomenale c’è in questi giovani! Il giorno in cui noi adulti riusciremo a far loro una proposta seria per valorizzarla, questo mondo lo ribaltiamo in quattro e quattr’otto.

Arrivo a casa, e mi accorgo che sto ancora ridendo.

Giorgio Maghini

Pedagogista e counsellor ad indirizzo sistemico-relazionale. Si occupa attualmente dell’ufficio comunicazione della Istituzione per i servizi educativi del Comune di Ferrara. Obiettore di coscienza, è stato Insegnante di sostegno e, in seguito, coordinatore pedagogico nella scuola dell’infanzia. Attualmente coordina un gruppo di Insegnanti di Religione, coi quali riflette sulla comunicazione della spiritualità nel mondo multiculturale. Ha insegnato "Teorie della comunicazione” all’Istituto di Scienze Religiose di Ferrara.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.