NON FARE. Elogio.

NON FARE. Elogio.

I social sono pieni di inviti a fare azioni collettive: suonare sui balconi, cantare la stessa canzone alla stessa ora, guardare serie tivù, consigli di film, video da far girare, addirittura flash mob virtuali.

Dopo due giorni c’è già l’astinenza da massa, la mancanza della folla.
Pare impossibile dover rinunciare al vedo gente, faccio cose. La vita domestica forzatamente solitaria potrebbe invece essere un’occasione per scoprire la saggezza del non-fare. Non fare niente, liberare la mente, stare in silenzio, ascoltare solo il proprio respiro, stare con se stessi. È difficile, frastornati come siamo da una connessione continua col mondo intero.

Non fare il male, non inquinare, non bestemmiare (oltraggiare il sacro): è dalle non-azioni che viene il bene, il bello, il buono.
“Non fare nulla è meglio che essere occupati a fare nulla” (Lao Tzu).

P.S. Potevo non scrivere questa nota, ma per Azione nonviolenta in rete
faccio volentieri un’eccezione.

(vigna di Mauro Biani)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


All’arrembaggio »

Prima le donne e i bambini

di Elena Buccoliero


Care Leavers »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


Questione di relazioni »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Sulle forme di lotta antimilitariste »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Dieci domande scomode da fare a Babbo Natale »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


Diritti, l'unico vaccino per la democrazia »

Politicamente scorretto

di Mao Valpiana


Sul caso Riace, dei mezzi e dei fini »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »