Se il ministro parla come un boss

Se il ministro parla come un boss

Matteo Salvini mette all’indice Roberto Saviano, lo fa in maniera estrema, prendendo in prestito una modalità abbastanza diffusa nei contesti poco illuminati dai media: la minaccia violenta, l’evocazione di una punizione mortale tipica del linguaggio mafioso.

Conta nulla che nella seconda parte del suo messaggio, il ministro puntualizzi che la scorta non verrà tolta sulla base di criteri politici. L’intimidazione è chiara, forte e diffusa: estesa a chiunque pensi di poter agire come lo scrittore campano. È successo in passato, e succede ancora, anche a mezzo stampa, che il sistema mafioso (killer, politici e imprenditori) operi in questo modo: il mammasantissima incontrato al bar, a cui basta un cenno, o l’amministratore locale (ma anche il boss in galera) con delle pubbliche dichiarazioni accolte in pompa magna da foglietti (ma anche grosse testate regionali) messi in piedi con capitali mafiosi.

E questo basterebbe per censurare il comportamento del leader del maggiore partito italiano. Probabilmente, però, c’è una conseguenza ben peggiore nella modalità espressa da questo personaggio. Salvini non inventa nulla sul piano comunicativo: il linguaggio è recuperato dalle pieghe più invisibili e reazionarie della società. Il guaio è che, questa modalità espressiva, passando da lui, si fa modello, diventa una legittimazione: rafforza chi è già avvezzo ad usare la violenza come linguaggio (si pensi alle manifestazioni di Casapound nei quartieri della periferia romana; e chissà cosa succede nei fortini della criminalità organizzata); offre a chi è meno attrezzato, o a chi deve ancora formarsi come gli adolescenti, un atteggiamento da imitare. O forse, più che un modello da far proprio o qualcosa da assumere, offre la possibilità di restituirci alla parte peggiore di noi, sdogana la giacobinista liberazione dai limiti imposti dalla decenza necessaria alla sussistenza dello Stato di diritto.

Salvini libera la rabbia animalesca di una società arcaica, pre moderna, dove in pochi minuti, mettendo all’indice, si decide chi deve vivere e chi deve morire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


Moena, una bellezza inebriante /1 »

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Se la Nato chiama… »

Consigli di lettura

di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 42 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Dietro l'emergenza i grandi problemi »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »