4 novembre: Verona ripudia Cadorna, Verona onori i disertori

4 novembre: Verona ripudia Cadorna, Verona onori i disertori

Mercoledì 4 novembre dalle ore 18 alle ore 19 i pacifisti scaligeri si ritroveranno in piazzale Cadorna per chiedere al Comune la cancellazione del nome del Generale assassino e la restituzione dell’onore alle sue vittime innocenti.

la lettera inviata al Sindaco di Verona dal Comitato Veronese per le iniziative di Pace

Cancelliamo il nome del Generale assassino e ridiamo dignità ai giovani disertori

Egregio Signor Sindaco,

la città di Verona fu duramente colpita dalle tragiche vicende della prima guerra mondiale, che Benedetto XV definì “l’inutile strage” e il “suicidio dell’Europa civile”: il 14 novembre 1915 un’incursione aerea austriaca colpì infatti il cuore della città, piazza Erbe. In pieno giorno, con il mercato affollato, le vittime furono 37, 48 i feriti. Anche Verona era ora toccata direttamente dal conflitto. Testimonianze della guerra sono naturalmente presenti anche nella toponomastica veronese, da Ponte della Vittoria a via Diaz, da piazza Vittorio Veneto a via 4 Novembre. In particolare vorremmo soffermarci sul piazzale dedicato a Luigi Cadorna.

La figura del generale Luigi Cadorna è, da sempre, molto discussa.

Comandante supremo dell’esercito italiano fino alla disfatta di Caporetto, fin da subito si distinse per la scarsa o nulla considerazione della vita dei poveri soldati che mandava all’assalto senza nessuna protezione (e speranza) o per quelli che decimava senza alcuna pietà.
“Cadornismo” fu il termine utilizzato da Antonio Gramsci proprio per definire quella lucida follia, quel trattare gli essere umani come “carne da macello”.

Nel telegramma del 1 novembre 1916 Cadorna scrisse: “Ricordo che non vi è altro mezzo idoneo per reprimere i reati collettivi che quello della immediata fucilazione dei maggiori colpevoli, e allorché l’accertamento dell’identità personale dei responsabili non è possibile, rimane ai comandanti il diritto e il dovere di estrarre a sorte tra gli indiziati alcuni militari e punirli con la pena di morte”.

Nel centenario del drammatico triennio ’15-’18, sembra diradarsi la retorica patriottarda che ha sempre caratterizzato il dibattito sulla prima guerra mondiale: già nel 2009 Ferdinando Camon scrisse un significativo articolo chiedendo fosse cambiato il nome alla via Cadorna. A Udine il sindaco ha accolto la proposta dell’intellettuale veneto modificando il nome in Piazza dell’Unità d’Italia.

Ecco perché, signor Sindaco, ci permettiamo di sottoporre la questione alla Sua attenzione. Sostituisca l’intitolazione a Luigi Cadorna, perché come ha scritto Ferdinando Camon “Aver dato il nome di Cadorna è stato, ieri, un errore. Mantenerlo ancora diventa, ormai, una colpa”.

Dedichiamola ai molti giovani, spesso contadini analfabeti, disertori, renitenti, obiettori, restituendo così dignità a coloro che rifiutarono il massacro cercando di salvare la vita *.

Da “piazzale Cadorna” a “piazzale Disertori della prima guerra mondiale”.

Comitato veronese per le iniziative di pace

via Spagna 8 – Verona

* Furono celebrati 470.000 processi per renitenza e oltre un milione per diserzione e per altri gravi reati (procurata infermità, disobbedienza aggravata, ammutinamento) e ciò ci fa capire quanto vasta e di massa sia stata l’opposizione alla guerra. La repressione si intensificò dopo la rotta di Caporetto che produsse un vero e proprio “sciopero militare”, come lo definì il gen. Cadorna, con le decimazioni a livello di reparto. La protesta contro la guerra investì anche la popolazione civile. Il malcontento popolare culminò nella rivolta di Torino dell’agosto 1917. E’ doveroso specificare che dei 470.000 processi per renitenza alla leva 370.000 furono contro emigrati che non erano rientrati. Comunque i disertori della guerra 1915-18 furono così numerosi che fu necessaria un’amnistia, promulgata nel 1919 dal Presidente del Consiglio Francesco Saverio Nitti. (dal libro “Il coraggio di dire no” dello storico Sergio Albesano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Prima le donne e i bambini

Elena Buccoliero di Elena Buccoliero


Le occasioni perdute del non ascolto »

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Primo l’ascolto »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Resurrectio Mortuarum. Le sorelle Mirabal »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Ad un mese dalla Perugia-Assisi »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Rinnovare la marcia Sarda della Pace »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »