Anche noi sosteniamo Osservatorio Balcani e Caucaso

Anche noi sosteniamo Osservatorio Balcani e Caucaso

Ormai è certo. Osservatorio Balcani e Caucaso sta subendo un drastico taglio del personale. Questo mentre ottiene il sostegno delle istituzioni internazionali guadagnandosi il sesto progetto europeo degli ultimi anni

Si è tenuto in questi giorni a Rovereto, in Trentino, il primo incontro di una vertenza sindacale sul futuro di Osservatorio Balcani e Caucaso: sul tavolo il licenziamento di metà del personale con cui si mette a repentaglio un progetto costruito in 15 anni.

OBC è l’animatore di un’ampia comunità centinaia di migliaia di persone che hanno a cuore il progetto europeo, i diritti di cittadinanza e il pluralismo. E che ha fatto della conoscenza uno strumento per la costruzione di un’Europa aperta e democratica.

OBC stava per iniziare il suo sesto progetto Europeo e ora rischia di non poter più dare il suo contributo in ambito locale, nazionale e internazionale. Chiediamo alla Provincia autonoma di Trento, principale finanziatore, di non smettere di investire sulla qualità, di non rinunciare ad un’eccellenza del territorio e di riconsiderare la strada intrapresa.

Anche per noi di azionenonviolenta.it OBC è stato spesso una preziosa fonte di documentazione, analisi e informazione e quindi è per noi naturale sottoscrivere e condividere l’appello che in questi giorni sta circolando a sostegno di questa importantissima struttura.

Invitiamo quindi tutte le nostre lettrici e lettori a sottoscrivete l’appello al Presidente della Provincia Autonoma di Trento Ugo Rossi e all’Assessora provinciale all’università e ricerca, politiche giovanili, pari opportunità e cooperazione allo sviluppo Sara Ferrari.

Lo potete fare compilando il formulario a questo link o mandando una mail con il vostro nome e cognome e l’adesione all’appello all’indirizzo sostieni@balcanicaucaso.org

Grazie, Massimiliano Pilati per azionenonviolenta.it

(immagine tratta da eastjournal.net)

Riportiamo di seguito il testo dell’appello

Alla cortese attenzione
Dott. UGO ROSSI
Presidente della Provincia autonoma di Trento

E per conoscenza

Dott.ssa SARA FERRARI
Assessora provinciale alla Cooperazione allo sviluppo

 Egregio Presidente Rossi,

le scriviamo per porre alla sua attenzione la questione del futuro di Osservatorio Balcani e Caucaso (OBC) che, come abbiamo appreso dalla stampa, subirà a breve un drastico ridimensionamento.

Con il suo articolato lavoro di informazione, analisi, sensibilizzazione, OBC rappresenta un caso unico in Italia per capacità di mettere in relazione territori, società civile, cittadini ed istituzioni in un dialogo serrato sull’Europa.

Grazie a una fitta rete di corrispondenti locali – giornalisti, intellettuali, attivisti delle regioni in esame – da quindici anni OBC segue gli sviluppi dell’allargamento dell’Unione Europea verso il sud-est Europa e la Turchia, e la politica di Vicinato in Caucaso e garantisce un monitoraggio attento di molti paesi europei ancora segnati da instabilità politica o conflitti armati, quali il Kosovo o l’Ucraina.

Costruendo ampi partenariati localmente, come su scala internazionale, OBC è impegnato attivamente a stimolare il confronto sui grandi temi di attualità: dalla libertà di stampa alla produzione culturale, dai diritti umani allo sviluppo democratico nello spazio europeo.

L’interdipendenza economica, energetica, migratoria, ambientale del nostro Paese con queste regioni è sostanziale: metà degli immigrati arriva dall’Europa orientale; l’export verso i Balcani supera quello verso la Cina; il Caucaso è fondamentale per la diversificazione delle fonti energetiche.

A ciò si aggiunga l’interdipendenza politica dato che alcuni dei paesi della regione membri dell’Unione Europea o lo diventeranno nel prossimo futuro.

La professionalità di OBC nell’affrontare questi temi coniugando informazione, ricerca, policy advice, formazione, divulgazione è riconosciuta dalle Istituzioni europee, dal Ministero degli Affari Esteri italiano, da molte realtà culturali ed economiche che lo sostengono attivamente.

Oltre al prestigio, OBC ha dimostrato capacità di attrazione di risorse, in particolare grazie ai progetti europei, offrendo negli anni rilevanti ricadute occupazionali al suo territorio.

Da ultimo, si noti che, anche una volta affermatosi come think-tank europeo, OBC è stato capace di mantenere un saldo legame con la società civile italiana e trentina di cui è espressione.

Tra le ragioni dell’affermazione di OBC c’è il sostegno continuativo della Provincia autonoma di Trento, ovvero di un ente locale convinto assertore del ruolo dei territori nella costruzione dell’Europa del futuro, solida e democratica.

Ci rivolgiamo a lei Presidente perché, nonostante la crisi, rinnovi l’investimento della Provincia su Osservatorio Balcani e Caucaso. In un momento tanto delicato per il nostro continente, abbiamo bisogno di rilanciare il progetto europeo a partire dai territori, stimolando la conoscenza e valorizzandone le risorse.

Una realtà come OBC, capace di farsi ponte tra società civile e istituzioni, tra sapere scientifico e opinioni pubbliche, grazie al vostro convinto sostegno potrà continuare ad offrire il suo prezioso contributo.

Per sottoscrivere l’appello clicca qui

  1. Avatar
    Mario blandi 28 Marzo 2015, 19:08

    Penso sia importante che continui il lavoro dell’osservatorio anche se ho poche informazioni in merito. Vorrei saperne di più,grazie

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Adduormiti ziemo »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Prima le donne e i bambini

Elena Buccoliero di Elena Buccoliero


Essere oggetto di parole d’odio »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Cosa vogliamo curare »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Sollevare un ginocchio di qualche centimetro »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »