• 28 Settembre 2022 2:54

Ancora notizie di obiezione e diserzione dal fronte russo

DiRedazione

Ago 16, 2022

I giornalisti investigativi di Bellingcat e del giornale indipendente The Insider hanno ottenuto molta corrispondenza dopo che la casella di posta elettronica dell’ufficio del procuratore militare russo è stata violata. Tra le lettere c’erano molte lamentele di genitori, giovani soldati e civili, che dimostrano che la situazione al fronte non è così rosea come la presenta Mosca per le vie ufficiali del Cremlino. Molti giovani arruolati sono stati indotti con l’inganno ad andare al fronte, molti genitori sono scontenti di come vengono trattati i loro figli. Il Movimento Nonviolento si schiera a fianco e continua a supportare il Movimento degli Obiettori russi e rilancia la campagna Obiezione alla guerra.

“Non trattate mio figlio come un cane”.

Una delle lamentele proviene dai genitori del soldato ventenne Mikhail.  La loro posta dimostra che sono molto insoddisfatti di come stanno andando le cose. “Quando ho chiamato mio figlio, mi ha detto che lo stavano portando a fare un’esercitazione. Poi si è scoperto che era una guerra. Stavano nelle tende, non potevano lavarsi. Doveva mangiare razioni secche e gliene davano solo mezza porzione. Sul treno non c’era nemmeno acqua potabile. I nostri figli non sono animali. Dov’è la giustizia?”.

Anche altri genitori hanno contattato l’ufficio del procuratore militare russo per esprimere il loro disappunto. “I nostri figli facevano parte del primo battaglione, ma non hanno firmato nulla, mentre voi sostenete il contrario. Riteniamo che i nostri figli siano stati indotti con l’inganno a partecipare a un’operazione militare e ora la loro vita è in pericolo. Non hanno mai ricevuto un addestramento militare completo. Vi chiediamo di rintracciare i nostri figli e di portarli urgentemente in un luogo sicuro”.

“Il nipote di un mio amico è tornato ferito e mi ha raccontato come sono stati picchiati dai loro comandanti. Sono stati costretti a firmare un contratto”, racconta Elena, una cittadina russa preoccupata. “Siamo davvero di fronte a una illegalità. Vi chiedo di indagare su questi fatti e di assicurare alla giustizia, secondo la legge di guerra, coloro che mandano a morire i nostri coscritti”.

Feriti? Si torna al fronte!

Anche la madre del caporale Niyazov Mikailovich testimonia contro le autorità militari. Suo figlio è stato ferito due volte. La prima volta è stato colpito da schegge e ha subito una commozione cerebrale e una paralisi. Tuttavia, dovette lasciare nuovamente l’ospedale da campo perché non c’era abbastanza spazio. Nonostante i forti mal di testa e la parziale perdita della vista e dell’udito, dovette tornare al fronte.

Un mese dopo, è finito in ospedale dopo essere stato vicino a una mina esplosiva. Soffre di vertigini, mal di testa, parziale perdita di memoria e problemi di vista e udito. Secondo la madre, l’assenza di cure mediche adeguate potrebbe avere conseguenze irreversibili.

Costretti a combattere

Anche per molti russi l’invasione dell’Ucraina è stata molto inaspettata. Molti soldati e coscritti russi sono stati inviati in Ucraina con un pretesto. Un soldato di 21 anni ha testimoniato di aver pensato di andare in Siria per l’addestramento, ma di essere finito improvvisamente in Ucraina. “Sono stato mandato in Ucraina in modo fraudolento, senza tenere conto dei miei desideri. Sono in prima linea, in posizione di tiro. Ho perso i miei compagni in battaglia. Ho 21 anni e voglio vivere. Ma cosa posso fare?”.

 

“Ho 21 anni e voglio davvero vivere. Che cosa devo fare?” (giovane soldato russo).

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.