“Bombe RWM all’Arabia Saudita: Rheinmetall non può più ignorare il problema”

“Bombe RWM all’Arabia Saudita:  Rheinmetall non può più ignorare il problema”

Fondazione Banca Etica e Rete Disarmo azionisti critici all’assemblea di Rheinmetall.

Berlino, 8 maggio 2018 

La Fondazione Finanza Etica (FFE) partecipa oggi per la seconda volta all’assemblea degli azionisti di Rheinmetall, uno dei principali produttori tedeschi di armamenti. «Entriamo in assemblea assieme alla Rete Italiana per il Disarmo, che coordina diverse organizzazioni pacifiste, e alla banca cattolica Bank für Kirche und Caritas», spiega Andrea Baranes, presidente di FFE, fondata nel 2003 da Banca Etica. 

L’intervento della Fondazione criticherà l’esportazione di bombe da parte della controllata italiana RWM Italia SpA dalla Sardegna all’Arabia Saudita. «Le bombe esportate ai sauditi sono utilizzate per bombardare lo Yemen, in una guerra che non ha alcuna legittimazione dal punto di vista del diritto internazionale e ha generato migliaia di morti tra i civili, con le Nazioni Unite che certificano un disastro umanitario senza proporzioni», dichiara Francesco Vignarca, coordinatore di Rete Disarmo. «A Rheinmetall faremo dieci domande. Chiederemo, tra le altre cose, che piani hanno sulla fabbrica di Domusnovas in Sardegna e se è vero che vogliono spostare la produzione altrove. E poi vorremmo sapere come si stanno preparando alle misure previste dal contratto di coalizione del nuovo governo tedesco, che impone uno stop alle esportazioni verso i Paesi coinvolti nella guerra in Yemen. Rheinmetall non può più ignorare la questione nascondendola sotto il nome di una sua controllata italiana».

 

 

All’assemblea di Rheinmetall interverranno in tutto una decina di azionisti critici, tra cui le organizzazioni Urgewald, ECCHR e Campact. Per la prima volta sarà presente Bank für Kirche und Caritas, socio fondatore del network di investitori istituzionali SfC-Shareholders for Change, promosso da Fondazione Finanza Etica. «Come membri di SfC e rappresentanti di investitori cattolici, per noi è importante dare un segnale contro le violazioni dei diritti umani nello Yemen perché, come dice anche il vescovo di Iglesias Giovanni Paolo Zeddanessuno giustificherebbe mai che armi prodotte altrove siano mandate a bombardare le nostre case, i nostri ospedali, le nostre chiese, la nostra gente. Le popolazioni dello Yemen non hanno forse i nostri stessi diritti?», ha dichiarato Tommy Piemonte, responsabile sostenibilità di Bank für Kirche un Caritas.

L’assemblea di Rheinmetall si tiene a Berlino presso l’Hotel Maritim di Potsdamer Platz. La diretta dell’assemblea è in corso su twitter, hashtag #Rheinmetall e su Facebook dalle pagine di Rete Italiana Disarmo e di Fondazione Finanza Etica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Rifugiati e migranti in Costituzione »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Resurrectio Mortuarum. Le sorelle Mirabal »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Ad un mese dalla Perugia-Assisi »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Rinnovare la marcia Sarda della Pace »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »