• 17 Aprile 2024 20:27

Chiediamo all’Unione Europea che Dvarashyn Vitali sia riconosciuto come rifugiato politico

Diadmin

Giu 21, 2023

Petizione diffusa in Italia dalla Campagna di obiezione alla guerra del Movimento Nonviolento,

sosteniamo gli obiettori di coscienza Bielorussi

Chiediamo all’Unione Europea che Dvarashyn Vitali sia riconosciuto come rifugiato politico

di Olga Karach *

DVARASHYN VITALI, nato il 12 agosto 1969, si è diplomato presso la Scuola militare di aviazione e tecnica di Vasylkiv nel 1990 ed è entrato nell’esercito. Tuttavia, avendo maturato negli anni una coscienza critica, ha deciso di rifiutare di prendere le armi e si è dimesso volontariamente dal servizio, lasciando l’esercito il 15 luglio 1998. Da allora, ha condotto una vita pacifica e ha evitato qualsiasi coinvolgimento con l’esercito o con altre strutture armate.

Nel 2020 Vitali ha anche partecipato alle proteste bielorusse contro le elezioni presidenziali truccate dal regime di Lokashenko. Si è impegnato in molti dibattiti sui social media come oppositore del regime. Inoltre, Vitali, insieme ad altri, ha dato vita ad azioni nonviolente bloccando le strade di Vitebsk per impedire il passaggio dei furgoni della polizia che arrestavano manifestanti pacifici e disarmati.

Quando è iniziata la guerra in Ucraina, Vitali temeva che, in quanto ex militare, sarebbe stato mobilitato con la forza nell’esercito bielorusso e inviato a combattere in Ucraina. L’8 marzo 2022 è partito come profugo per la Lituania e da allora non è più tornato in Bielorussia per paura di essere arruolato con la forza. Purtroppo, i suoi timori non sono infondati perché in Bielorussia, dall’inizio della guerra su larga scala in Ucraina, sono in corso controlli su persone idonee alla leva, le cui finalità non sono chiare. Inoltre, pochi giorni dopo la partenza di Vitali per la Lituania, alcuni agenti di polizia si sono presentati al suo indirizzo registrato nella città di Vitebsk con un mandato di perquisizione e di arresto. Come spiegato alla madre di Vitali dagli agenti di polizia, ciò era dovuto a un procedimento penale avviato contro Vitali nella città di Baranovichi per aver definito su Facebook le forze dell’ordine bielorusse “assassini e boia”.

Da allora, Vitali non è più tornato nella Repubblica di Bielorussia e non ha fatto visita alla sua famiglia a causa delle preoccupazioni per la sua libertà e la sua vita, oltre che per il timore di essere arruolato nell’esercito. Fino a poco tempo fa, Vitali aveva un permesso di soggiorno lituano e lavorava come autista nella città di Mazeikiai. Il 26 aprile 2023 il suo permesso di soggiorno è stato revocato, unicamente per il fatto di aver prestato servizio nell’esercito bielorusso 20 anni fa, e lo stesso Vitali è considerato una persona “indesiderabile” sul territorio lituano, con un divieto di ingresso in tutta l’Unione Europea di 5 anni, a causa del suo precedente servizio militare.

Vitali ha presentato ricorso a un tribunale lituano. L’esito sarà noto il 27 giugno 2023.

Quando l’organizzazione pacifista bielorussa Our House ha lanciato la campagna “No significa No” per sostenere il diritto degli obiettori di coscienza di imbracciare le armi, Vitali si è impegnato attivamente. Ha partecipato a diverse azioni di protesta davanti all’ambasciata bielorussa a Vilnius, sostenendo il diritto di essere obiettore di coscienza.

Video e foto della sua partecipazione alla Giornata internazionale degli obiettori di coscienza del 15 maggio 2023 e dell’azione di solidarietà del 22 gennaio 2023 sono stati condivisi sui canali Telegram in una pubblicazione del 16 maggio 2023. Ora Vitali rischia una condanna fino a 7 anni in un carcere bielorusso perché viene pubblicamente ritratto mentre partecipa ad iniziative pacifiste.

L’11 giugno 2023, i funzionari dei servizi di migrazione e di frontiera lituani hanno tentato di espellere con la forza Vitali in Bielorussia, il che avrebbe comportato la sua automatica incarcerazione per il suo coinvolgimento nella campagna “No Means No”.

Il 15 giugno 2023 Vitali ha preparato e presentato tutti i documenti necessari per richiedere lo status di rifugiato politico in Lituania.

Il 19 giugno 2023 la migrazione lituana ha deportato Vitali in un campo profughi a 100 chilometri da Vilnius, che è essenzialmente una struttura simile a una prigione, poiché esiste già una decisione di migrazione che vieta il suo ingresso in Lituania.

Stanno sottoponendo questo obiettore di coscienza a maltrattamenti basati unicamente sulla sua passata esperienza militare:

1.     Gli viene vietato di entrare in Lituania per 5 anni e nell’Unione Europea per 3 anni, ma in pratica si tratta di un divieto a vita.

2.     Ha fatto richiesta di asilo politico, il che significa che gli è vietato lavorare legalmente in Lituania, come dimostrato dalla prassi passata, almeno per il prossimo anno. Considerando che il governo lituano non fornisce alcuna assistenza, come cibo, alloggio, ecc. la migrazione condanna Vitaliy a morire di fame o lo costringe a violare le leggi della Lituania e a lavorare illegalmente.

3.     Da ieri lo stanno mandando con la forza in un campo profughi dalle condizioni pessime, in pratica una prigione, in attesa di una decisione sul suo status di rifugiato politico. In sostanza, sarà confinato in una struttura simile a una prigione per un anno o più.

4.     Detenuto al campo profughi, perde la stanza in cui viveva perché non potrà più permettersi di pagare l’affitto. Questo significa che, se anche venisse rilasciato, si ritroverebbe senza casa per qualche tempo. Purtroppo non abbiamo un rifugio per gli obiettori di coscienza.

5.     Il rischio di espulsione in Bielorussia e di incarcerazione per la sua partecipazione ad azioni a sostegno degli obiettori di coscienza bielorussi permane.

Dal 19 giugno 2023 la migrazione ha concesso a Vitali un avvocato gratuito per appellarsi alla decisione. Tuttavia, l’avvocato gratuito non risponde alle sue chiamate da due giorni.

Il 20 giugno 2023 Vitali viene rinchiuso da solo in una stanza che si potrebbe definire una cella di prigione. Le finestre sono sbarrate. Il cibo gli viene fornito senza cucchiaio e forchetta. Nella cella, chiusa dall’esterno, dove Vitali è detenuto, il pulsante di chiamata è stato disattivato, quindi se dovesse avere un problema cardiaco all’interno della cella, non sarebbe in grado di chiamare i soccorsi e potrebbe morire. Ha provato a premere il pulsante per controllare, ma non è arrivato nessuno.

Chiediamo ad organizzazioni internazionali come il BEOC o Amnesty International di domandare il permesso di ispezionare le condizioni di vita nel campo e di visitare Vitali.

Già da tempo lavoriamo per migliorare la situazione nei campi profughi, dove le persone sono tenute in condizioni deplorevoli.

Inoltre, sono necessarie risorse per sostenere Vitali, tra cui almeno un avvocato di fiducia, e spese di sostentamento.

Chiediamo il vostro sostegno e la vostra solidarietà. Sarebbe molto apprezzato se la vostra organizzazione potesse inviare lettere di sostegno a Vitali e alla sua posizione di coscienza.

Gli errori giovanili, commessi sotto l’influenza della propaganda militarista, in particolare il servizio militare, non dovrebbero servire come base per il divieto di ingresso nell’UE, la deportazione in Bielorussia, il rifiuto del permesso di soggiorno o la cancellazione dello status di rifugiato.

Dobbiamo fare in modo che gli uomini bielorussi abbiano la possibilità di rifiutare l’arruolamento obbligatorio, di rifiutare le armi ed evitare di essere mobilitati nell’esercito bielorusso per la campagna in Ucraina.

Chiediamo il vostro aiuto: inviate una lettera di sostegno al nostro amico obiettore di coscienza bielorusso, che rischia di scontare una lunga pena detentiva in Bielorussia per azioni a sostegno degli obiettori di coscienza bielorussi.

Vi invitiamo a inviare una lettera di sostegno al Dipartimento per le migrazioni lituano all’indirizzo info@migracija.gov.lt, con CC al Centro internazionale per le iniziative civili “Our House” all’indirizzo info@nash-dom.info. Il vostro sostegno sarà molto apprezzato.

Cari saluti,

Olga Karach

“Our House”

 

Vilnius

20 giugno 2023

* È fondatrice e coordinatrice dell’associazione pacifista e per i diritti umani bielorussa “Our House”, La Nostra Casa. Attualmente vive esule in Lituania, da dove sostiene la campagna nonviolenta a difesa degli obiettori di coscienza, disertori, renitenti alla leva.

Di admin