• 24 Luglio 2024 11:54

Dalla Russia con amore: protezione per gli obiettori di coscienza e i disertori

DiRedazione

Lug 10, 2023

I movimenti russi, pacifisti, democratici, per i diritti civili e umani, si rivolgono direttamente all’Unione Europea, Commissione e Parlamento, per chiedere misure immediate e concrete a protezione degli obiettori di coscienza e di tutti coloro che in Russia rifiutano di partecipare alla guerra e chiedono asilo poiché con i nuovi provvedimenti legislativi repressivi, in Russia vengono perseguitati, arrestati, incarcerati.

Con il sostegno di molte organizzazioni internazionali, europee e non solo, tra cui EBCO-BEOC (Ufficio europeo per l’obiezione di coscienza), War Resisters’ International (Internazionale dei Resistenti alla Guerra) e Movimento Nonviolento, è stato redatto il Documento: “Appello alla Commissione Europea e al Parlamento Europeo sulle misure necessarie per la protezione internazionale degli obiettori di coscienza russi, ucraini e bielorussi, dei disertori e di coloro che si sono arresi o sono stati catturati”, che il nostro sito pubblica e diffonde.

 

Appello alla Commissione Europea e al Parlamento Europeo sulle misure necessarie per la protezione internazionale degli obiettori di coscienza russi, ucraini e bielorussi, dei disertori e di coloro che si sono arresi o sono stati catturati

Il Decreto del Presidente russo n. 647 del 21.09.2022 “Sulla dichiarazione di mobilitazione parziale nella Federazione Russa” ha di fatto privato i militari della possibilità di lasciare il servizio militare di propria volontà mentre sono mobilitati o sotto contratto. Ora sono costretti a rimanere al fronte e a combattere fino a quando non vengono uccisi o feriti gravemente, o fino a quando non raggiungono il limite di età per il servizio militare, o commettono un crimine per il quale sono punibili con la reclusione.

La legge federale n. 365-FZ del 24.09.2022 “Sugli emendamenti al Codice Penale della Federazione Russa e all’articolo 151 del Codice di Procedura Penale della Federazione Russa”, a sua volta, ha introdotto la responsabilità penale per la consegna volontaria e ha inasprito la responsabilità per l’abbandono volontario delle unità e la mancata osservanza degli ordini. Pertanto, a livello legislativo esistono seri ostacoli al rifiuto di partecipare alle ostilità e all’esercizio del diritto costituzionale all’obiezione di coscienza al servizio militare.

La Corte Suprema della Federazione Russa ha sancito una prassi di applicazione della legge più severa nei confronti di coloro che si arrendono. La risoluzione del Plenum della Corte Suprema della Federazione Russa n. 11 del 18.05.2023 introduce effettivamente una presunzione di colpevolezza per coloro che sono stati fatti prigionieri.

Un altro motivo di preoccupazione sono i recenti emendamenti alle leggi federali “Sul dovere militare e il servizio militare” e “Sulla procedura di uscita e di entrata nella Federazione Russa”, che introducono una restrizione temporanea extragiudiziale all’uscita dal Paese per i soldati di leva, la confisca dei passaporti stranieri ai cittadini chiamati per il servizio militare, nonché altre restrizioni per la mancata presentazione all’ufficio di registrazione militare: il divieto di guidare veicoli, di registrare proprietà e transazioni finanziarie, tra gli altri.

Il regime di Vladimir Putin ha quindi stabilito dei meccanismi per perseguitare quei cittadini russi che si rifiutano di partecipare all’invasione su larga scala dell’Ucraina e alle operazioni di combattimento sul suo territorio, che cercano di esercitare il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare e che disertano o si arrendono. Tutto ciò significa che il regime ha la possibilità legale di inviare con la forza un gran numero di cittadini russi in una guerra criminale in qualsiasi momento.

Ovviamente, uno dei modi più affidabili per proteggersi dall’invio in guerra è lasciare la Russia e recarsi in Paesi sicuri. Tuttavia, l’emigrazione è un processo estremamente complicato: le frontiere terrestri con i Paesi dell’UE sono di fatto chiuse e la procedura di visto semplificata è stata abolita. Non esistono linee guida generali per la protezione di obiettori di coscienza, disertori, persone che si arrendono volontariamente o prigionieri di guerra.

Alla luce di quanto sopra esposto, le associazioni firmatarie, pacifiste e contro la guerra, chiedono alla Commissione europea e al Parlamento europeo, nell’ambito dei rispettivi mandati e in collaborazione con le organizzazioni russe e internazionali per i diritti civili e umani, di:

  1. Considerare il riconoscimento della guerra della Russia contro l’Ucraina come crimine contro la pace per chiarire lo status umanitario degli obiettori di coscienza e dei disertori russi che, come parte del loro diritto alla libertà di coscienza, rifiutano di partecipare alla guerra criminale.
  2. Sviluppare e adottare un approccio comune alla fornitura di protezione internazionale per i cittadini russi che sono minacciati di azioni penali o sono perseguiti per aver esercitato il loro diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare.
  3. Sviluppare e adottare un approccio comune alla fornitura di protezione internazionale per i cittadini russi che sono stati mobilitati, arruolati o hanno prestato servizio militare sotto contratto e sono stati inviati a prestare servizio militare in unità militari o in una zona di combattimento sul territorio dell’Ucraina e che:

– hanno dichiarato il loro rifiuto di partecipare a operazioni di combattimento, di eseguire ordini relativi a operazioni di combattimento contro l’Ucraina, hanno lasciato il luogo di servizio (o hanno disertato) e sono sotto la minaccia di un procedimento penale o sono perseguiti penalmente;

– si sono consegnati volontariamente all’AFU (Forze Armate dell’Ucraina) o sono già detenuti come prigionieri di guerra, hanno dichiarato il loro disaccordo con l’aggressione militare della Russia contro l’Ucraina, rifiutano di tornare in Russia perché potrebbero essere perseguiti penalmente dalle autorità russe e sono pronti a collaborare con le autorità statali dei Paesi europei e con gli organi di giustizia internazionali e a testimoniare sui crimini di guerra commessi dalle Forze armate russe.

  1. Sviluppare linee guida comuni per stabilire procedure di visto o documenti di viaggio adeguati per le suddette categorie di cittadini russi ai fini del loro transito verso i Paesi dell’UE disposti a fornire loro protezione internazionale, tra cui:

– considerare l’adozione di linee guida comuni per un’applicazione più ampia dei visti umanitari ed estendere i criteri di ammissibilità alle suddette categorie di cittadini russi;

– considerare l’adozione di linee guida comuni per l’accettazione delle domande di asilo delle suddette categorie di cittadini russi presso le ambasciate e i consolati dei Paesi dell’UE nei Paesi terzi;

– considerare l’adozione di linee guida comuni per il rilascio di visti per persone in cerca di lavoro presso le ambasciate e i consolati degli Stati dell’UE nei Paesi terzi per la migrazione legale di personale qualificato delle suddette categorie di cittadini russi.

  1. Sviluppare meccanismi per fornire consulenze e sostegno, anche di tipo finanziario, a organizzazioni e iniziative specializzate nell’evacuazione dalla Russia, nella creazione di una rete di accoglienza, nell’assistenza legale e in altre misure a sostegno delle suddette categorie di cittadini russi in Russia e nei Paesi terzi.
  2. Sviluppare meccanismi per fornire sostegno finanziario e umanitario ai Paesi terzi che ospitano un numero significativo di cittadini russi appartenenti alle categorie sopra citate, nonché a coloro che si nascondono dal servizio di leva e dalla mobilitazione, al fine di migliorare la capacità di questi Paesi di accogliere e integrare queste persone.

Una stima del numero di persone che avranno bisogno di protezione internazionale

Secondo il media indipendente russo Mediazona, dall’annuncio della mobilitazione nell’autunno del 2022 fino al maggio del 2023, sono stati presentati ai tribunali militari della guarnigione russa circa 1500 casi contro militari, tra cui: 1347 casi di abbandono non autorizzato di un’unità militare, 81 casi di inosservanza degli ordini e 26 casi di diserzione.

Secondo le stime degli attivisti russi per i diritti umani, il numero di disertori che necessitano di protezione internazionale non dovrebbe superare le 1500 persone all’anno. Il numero di cittadini arruolati per il servizio militare obbligatorio e che fanno domanda per il servizio civile alternativo non supera i 1500 all’anno, di cui circa il 47% delle domande viene respinto. Non sono noti né il numero di domande né la percentuale di rifiuti per le persone mobilitate.

Va inoltre considerato che non tutti gli obiettori di coscienza e i disertori che subiscono violazioni dei loro diritti e/o sono perseguitati vorranno o potranno lasciare la Russia in cerca di protezione internazionale. Spesso le circostanze personali – finanziarie, familiari o di altro tipo – lo impediscono. Inoltre, alcuni rifugiati preferiranno rimanere in Paesi terzi e non andranno nell’UE.

Di conseguenza, la nostra stima preliminare del numero di cittadini che avrebbero bisogno di protezione in base alle nostre proposte (esclusi i detenuti, sui quali non abbiamo informazioni) non supera le 2000-3000 persone all’anno.

Noi, associazioni russe contro la guerra, per i diritti civili e umani, con gli attivisti e i difensori della democrazia, siamo pronti a collaborare con le autorità dell’UE per sviluppare un approccio universale ed efficace alle questioni sopra esposte. Siamo anche pronti a contribuire ai processi di verifica, consultazione e sviluppo e diffusione di linee guida per coloro che fuggono dalla mobilitazione e dalla coscrizione.

A questo proposito, proponiamo che il Parlamento europeo e la Commissione europea creino speciali gruppi di lavoro e di contatto, dove, con la partecipazione delle associazioni umanitarie e per i diritti umani russe contro la guerra, possano sviluppare passi e soluzioni concrete per attuare i punti delineati nel nostro appello. Siamo convinti che solo attraverso sforzi congiunti saremo in grado di salvare il maggior numero possibile di vite su entrambi i fronti.

Hanno finora sottoscritto le associazioni (di seguito traduzione italiana delle sigle, elenco in aggiornamento)

  1. The Youth Democratic Movement Vesna
  2. The Anti-War Project Idite lesom
  3. The Autonomous Non-Profit Human Rights Organisation Shkola Prizyvnika
  4. The Initiative Demokrati-JA
  5. The Movement of Conscientious Objectors
  6. The Project Podderzhka politzakliuchennikh. Memorial
  7. Austauch, for the European Civil Society
  8. The Sakharov Movement Mir, Progress, Prava Cheloveka
  9. The Project Tochka [Ne]vozvrata
  10. inTransit, the Berlin Anti-War Initiative
  11. The Board of FreeRussiaNL, the Netherlands
  12. The Hub for Humanitarian Projects Reshim.org
  13. Russland hinter Gittern e.V.
  14. Frame, the Civic Education Initiative
  15. The Association of Free Russians, Spain
  16. The Ark
  17. The French Association Russie-Libertés
  18. Ksenia Maximova, the Founder of the Russian Democratic Society
  19. Russi contro la guerra, Italy
  20. WOT Foundation (Warsaw)
  21. Free Russians e.V
  22. The Online Magazine Shveitsariya dlya vsekh
  23. Inna Berezkina, School of Civic Education
  24. The Russian Democratic Society, Serbia
  25. SmåRådina, for the Democratic Russia
  26. Russian Canadian Democratic Alliance
  27. The Democratic Society of Russian Speakers in Finland
  28. Media Partizany
  29. Krakow for Free Russia
  30. Russland der Zukunft — Schweiz
  31. Russians Against War — Vienna
  32. Free Russians Ireland
  33. Mariia Solenova, Všį Action4life
  34. The Finnish Union of Conscientious Objectors Aseistakieltäytyjäliitto
  35. Conscience and Peace Tax International
  36. Antimilitaristes-MOC València (Spain)
  37. Movimento Nonviolento (Italy)
  38. International Centre for civil initiatives “Our House”, Belarus & Lithuania
  39. Antimilitaristische Aktion Berlin (Germany)
  40. European Bureau for Conscientious Objection (EBCO)
  41. Connection e.V.
  42. Pax Christi Flanders (Belgium)
  43. War Resisters’ International
  44. Internationale der Kriegsdienstgegner*innen (IDK e.V. Berlin/Germany)
  45. Movimento Internazionale della Riconciliazione (M.I.R. Italia)
  46. Pax christi – deutsche Sektion (Germany)
  47. Conscientious Objection Watch (Turkey)

Firmatari:

  1. Movimento Democratico Giovanile Vesna
  2. Progetto contro la guerra Idite lesom
  3. Organizzazione autonoma senza scopo di lucro per i diritti umani Shkola Prizyvnika
  4. Iniziativa Demokrati-JA
  5. Movimento degli Obiettori di Coscienza
  6. Progetto Podderzhka politzakliuchennikh. Memoriale
  7. Austauch, per la Società civile europea
  8. Movimento Sakharov Mir, il progresso, Prava Cheloveka
  9. Progetto Tochka [Ne]vozvrata
  10. inTransit, Iniziativa di Berlino contro la guerra
  11. Consiglio di amministrazione di FreeRussiaNL, Paesi Bassi
  12. L’hub per i progetti umanitari Reshim.org
  13. Russland hinter Gittern e.V.
  14. Frame, l’iniziativa di educazione civica
  15. Associazione dei russi liberi, Spagna
  16. L’Arca
  17. Associazione francese Russie-Libertés
  18. Ksenia Maximova, fondatrice della Società democratica russa
  19. Russi contro la guerra, Italia
  20. Fondazione WOT (Varsavia)
  21. Russi liberi e.V.
  22. La rivista online Shveitsariya dlya vsekh
  23. Inna Berezkina, Scuola di educazione civica
  24. Società Democratica Russa, Serbia
  25. SmåRådina, per la Russia democratica
  26. Alleanza Democratica Russo-Canadese
  27. Società democratica dei russofoni in Finlandia
  28. Media Partizany
  29. Cracovia per la Russia libera
  30. La Russia del futuro – Svizzera
  31. Russi contro la guerra – Vienna
  32. Russi liberi Irlanda
  33. Mariia Solenova, Všį Action4life
  34. Unione finlandese degli obiettori di coscienza Aseistakieltäytyjäliitto
  35. Coscienza e Pace Tax International
  36. Antimilitaristi-MOC València (Spagna)
  37. Movimento Nonviolento (Italia)
  38. Centro internazionale per le iniziative civili “La nostra casa”, Bielorussia e Lituania
  39. Antimilitaristische Aktion Berlin (Germania)
  40. Ufficio europeo per l’obiezione di coscienza (EBCO)
  41. Connessione e.V.
  42. Pax Christi Fiandre (Belgio)
  43. Internazionale dei Resistenti alla Guerra
  44. Internationale der Kriegsdienstgegner*innen (IDK e.V. Berlino/Germania)
  45. Movimento Internazionale della Riconciliazione (M.I.R. Italia)
  46. Pax christi – deutsche Sektion (Germania)
  47. Osservatorio sull’obiezione di coscienza (Turchia)