Israele/Palestina

Israele/Palestina

Bisogna fermare il massacro, interrompere la spirale di violenza che sta moltiplicando le vittime, trovare una via d’uscita.

Bisogna isolare i fanatici e sostenere i dialoganti.

L’apertura dell’Ambasciata americana a Gerusalemme è stata una provocazione; l’esercito israeliano, che spara sui civili per ordine del governo, è colpevole; gli estremisti di Hamas che vogliono l’azzeramento di Israele (Nakba, catastrofe), buttano benzina sul fuoco di Gaza; la “Marcia del ritorno” per riconquistare le posizioni del 1948, è una prova di forza che viene sopraffatta dalla violenza armata.
Sul piano dello scontro militare Israele vincerà sempre. La Palestina deve competere sul piano del diritto internazionale e dei diritti umani. Altrimenti non se ne esce.

L’Europa deve farsi parte attiva per riportare al tavolo i moderati di Israele e della Palestina. E’ necessario isolare i violenti del Likud e di Hamas, contrastare le alleanze filo americane e filo iraniane, condannare le politiche terroristiche. Non esiste una soluzione senza coinvolgere le due parti disposte al dialogo: bisogna dare voce ai nonviolenti di Israele e della Palestina. Il destino dei due popoli è comune. Altra soluzione non c’è.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Un ponte d’amore tra Etiopia ed Eritrea »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Del diritto d'insurrezione, e del dovere. »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Dialogo fra due panchine »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


Tortura di stato »