• 15 Aprile 2024 21:08

La posizione del Movimento Pacifista Ucraino in solidarietà alle parole di Papa Francesco

DiRedazione

Mar 10, 2024

Il Movimento Pacifista Ucraino, per mano del Segretario esecutivo Yurii Sheliazenko, ha diffuso questo comunicato in merito all’intervista di Papa Francesco sulla “bandiera bianca”, con gratitudine per la saggezza delle parole pronunciate dal Pontefice.
La Campagna di Obiezione alla guerra e il Movimento Nonviolento, si associano e rilanciano. Qui di seguito la nostra traduzione italiana.

Papa Francesco aveva ragione quando in un’intervista a un giornalista svizzero ha detto che sarebbe stata una dimostrazione di coraggio da parte dell’Ucraina alzare bandiera bianca e avviare negoziati con l’aiuto delle potenze internazionali per cessare il fuoco e raggiungere una pace giusta e duratura. In effetti, questa è l’essenza della formula di pace ucraina del presidente Zelenskyj: l’umanesimo e il buon senso sono più forti della brutale crudeltà dell’aggressione russa. Per questo motivo in Svizzera si terrà il primo vertice di pace per avviare, con l’aiuto internazionale, un processo di pace al quale in futuro potrebbe aderire anche lo Stato aggressore, a patto che il Cremlino sia pronto ad alzare bandiera bianca! Lo ha affermato il presidente dell’Ucraina Volodymyr Zelenskyy in una conferenza stampa a Kiev e lo ha ripetuto in una conferenza stampa con il presidente della Turchia Recep Erdogan. Condanniamo le false interpretazioni della posizione del Vaticano, di cui i militaristi si servono in modo vergognoso guerra dell’informazione per screditare la formula pacifista ucraina del presidente Zelenskyj con il pretesto di criticare le parole del Papa e di imporre un’ideologia militaristica alla società: la diplomazia sarebbe la via per la sconfitta, l’omicidio di massa sarebbe la via per la vittoria.

Le parole di Papa Francesco sono stati interpretati in modo manipolatorio dai cinici “comunicatori strategici” come un appello alla capitolazione e alla mancanza di fiducia nella vittoria dell’Ucraina. Ma questa interpretazione è l’esatto contrario di ciò che in realtà ha detto il Papa. Il giornalista ha posto al Papa una domanda controversa sul suo atteggiamento nei confronti delle voci sulla superiorità dello Stato aggressore, sugli appelli alla resa e sugli avvertimenti contro tali appelli. Il giornalista ha usato l’espressione “bandiera bianca” come simbolo di resa. In risposta, Papa Francesco ha spiegato che alzare bandiera bianca significa avviare i negoziati, e permette di rafforzare la propria posizione diplomaticamente dopo i fallimenti militari. Il Papa ha giustamente sottolineato che il più forte è chi vede la situazione, chi pensa alla gente e cerca di evitare tanti morti e un peggioramento della situazione. Papa Francesco crede nel successo dell’Ucraina nei negoziati per una pace giusta, prega per l’Ucraina e sostiene la formula di pace ucraina. Ma forse non si tratta delle manipolazioni dei militaristi che sognano una dittatura militare? Forse la diplomazia è stata equiparata erroneamente alla resa semplicemente a causa dell’ignoranza che la bandiera bianca non significa resa, ma l’intenzione del parlamentare di negoziare secondo la Convenzione dell’Aja sulle leggi e i costumi della guerra terrestre? Forse è semplicemente a causa della mancanza di una cultura della pace, e non a causa del desiderio di sopprimere la cultura della pace per amore del governo militare nella società, che nel nostro paese si sta diffondendo e prevalendo il falso stereotipo secondo cui una bandiera bianca significa arrendersi? Vorrei credere a questa spiegazione ingenua. Ma in realtà l’esercito ucraino sa benissimo cosa significa la bandiera bianca.

Secondo l’Istruzione sulla procedura per l’attuazione delle norme del diritto internazionale umanitario nelle Forze Armate dell’Ucraina, approvata con ordinanza del Ministero della Difesa dell’Ucraina: “La bandiera bianca indica l’intenzione delle persone che l’hanno issata di iniziare negoziati con la parte opposta, ciò non significa arrendersi.”Sfortunatamente, la società ucraina si è rivelata vulnerabile alle manipolazioni militaristiche a causa della cultura di pace poco sviluppata in Ucraina. Per decenni, invece di un’educazione civica pacifica degna di una società democratica, l’Ucraina ha mantenuto una “educazione militare-patriottica” totalitaria comunista come quella che ora aiuta il regime di Putin a portare le persone alla morte per amore delle ambizioni imperialiste. A causa di questo residuo della macchina militare dell’Unione Sovietica, le persone si fidano ciecamente dell’esercito e ripongono le loro migliori speranze nelle Forze Armate dell’Ucraina, ignorando il soft power e il ruolo cruciale della società civile, dei civili nella politica e nell’economia. aspira alla democrazia e ha espresso in un sondaggio l’opposizione alla dittatura militare, le persone sotto l’influenza dell’indottrinamento militarista nel sistema educativo, i mass media e le istituzioni in gran parte militarizzate della società civile sono pronte a tollerare il militarismo – la supremazia dei militari nella società come “difensori” ” dello Stato, violazioni costanti e sistematiche dei diritti umani, nichilismo giuridico dell’esercito, delle forze dell’ordine e della sicurezza.

Abbiamo bisogno della riforma della società civile, dell’educazione alla pace e della mobilitazione dei movimenti pacifisti per coinvolgere ampi settori della popolazione civile ucraina nella resistenza nonviolenta all’aggressione russa e nella protezione della democrazia in Ucraina, garantendo un reale controllo democratico nella sfera della sicurezza e della difesa. Dobbiamo capire che la vera sicurezza nazionale si basa sulla piena tutela legale dei diritti umani, sulla capacità di risolvere pacificamente i conflitti e su una governance civile democratica.

Fai una donazione alla Campagna di Obiezione alla guerra, con un libero versamento su Iban IT35 U 07601 11700 0000 18745455 per il sostegno ai movimenti nonviolenti in Russia, Bielorussia, Ucraina, Israele e Palestina e la difesa legale degli obiettori di coscienza di quei paesi. Grazie. Causale: “Campagna di Obiezione alla guerra del Movimento Nonviolento”