• 19 Aprile 2024 14:57

Movimento degli obiettori di coscienza russi

  • Home
  • Russia. Obiettori considerati nemici della Nazione. Le organizzazioni nonviolente messe fuori legge

Russia. Obiettori considerati nemici della Nazione. Le organizzazioni nonviolente messe fuori legge

Elena Popova è la responsabile del Movimento degli Obiettori di coscienza russi. Vive a San Pietroburgo. Dopo i giorni convulsi della crisi in Russia, ci ha mandato questo documento elaborato…

50 anni di obiezione per la pace. Il convegno nazionale co-promosso da CNESC e MN

Il Convegno “50 anni di obiezione per la pace. Analisi, riflessioni e prospettive sul Servizio Civile” in programma a Roma è organizzato dalla CNESC in collaborazione con il Movimento Nonviolento:…

Russia. Obiettare alla guerra: un movimento in crescita

In Russia il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare è riconosciuto in Costituzione dal 1993, seppur mai applicato fino in fondo, ed è in vigore la leva obbligatoria. La…

Alexander Belik, obiettore russo: “Permettetemi di continuare il mio lavoro contro la guerra”

Alexander Belik, coordinatore del Movimento degli Obiettori di coscienza russi (lo stesso movimento di Elena Popova n.d.r.), vive attualmente in Estonia dove si è rifugiato per via della sua opposizione…