• 15 Aprile 2024 11:41

Ucraina: Il pacifismo non è un crimine negli Stati democratici! Venga ritirata l’accusa contro Yurii Sheliazhenko, #FreePeaceSpeech

DiRedazione

Ago 5, 2023
PARIS, FRANCE - AUG. 02: Peace sign on the ukrainian flag in protest manifestation against war in Ukraine on Republic Square of Paris on aug. 02. 2014 in Paris, France.

Sosteniamo la richiesta di EBCO di un incontro urgente con il Presidente dell’Ucraina a Kiev lunedì 7 agosto 2023 per discutere le nostre preoccupazioni e raccomandazioni, anche nel quadro della campagna internazionale #ObjectWarCampaign: Russia, Bielorussia, Ucraina: Protezione e asilo per i disertori e gli obiettori di coscienza al servizio militare.

L’Ufficio Europeo per l’Obiezione di Coscienza (EBCO), l’Internazionale dei Resistenti alla Guerra (WRI), l’International Fellowship of Reconciliation (IFOR) e la Connection e.V. (Germania) condannano fermamente il fatto che Yurii Sheliazhenko, segretario esecutivo del Movimento pacifista ucraino, sia stato formalmente accusato dal governo ucraino del reato di “giustificazione dell’aggressione russa” con la sola “prova” della Dichiarazione del Movimento pacifista ucraino, adottata durante la riunione della Giornata internazionale della pace del 21 settembre 2022, intitolata “Agenda di pace per l’Ucraina e il mondo”. Per di più, la dichiarazione condanna esplicitamente l’aggressione russa.

Siamo tutti sconvolti dal fatto che il Servizio di Sicurezza dell’Ucraina abbia fatto irruzione nell’appartamento di Yurii Sheliazhenko ieri, 3 agosto 2023, e abbia condotto un’operazione illegale di perquisizione e sequestro, non trovando nulla di criminale e portando via il suo telefono, il suo computer e alcuni documenti del Movimento Pacifista Ucraino. Protestiamo con forza per le molestie subite da Yurii Sheliazhenko, che è stato convocato per un interrogatorio il 7, 8 e 9 agosto 2023.

Ricordiamo al governo ucraino che il pacifismo non è un crimine negli Stati democratici. Chiediamo che l’accusa contro Yurii Sheliazhenko sia immediatamente ritirata e che i diritti umani siano pienamente protetti, compresi il diritto alla libertà di espressione e il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare, che è inerente al diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione, garantito, tra l’altro, dall’articolo 9 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo, nonché dall’articolo 18 del Patto internazionale sui diritti civili e politici (ICCPR), che è inderogabile anche in un momento di emergenza pubblica, come stabilito dall’articolo 4(2) dell’ICCPR.

Yurii Sheliazhenko è un noto obiettore di coscienza, pacifista, difensore dei diritti umani e avvocato. Condanniamo fermamente tutte le azioni di molestia e tutti i tentativi di intimidazione contro di lui e il Movimento Pacifista Ucraino, così come tutti i casi di reclutamento forzato e persino di rapimento di coscritti negli eserciti coinvolti, e tutte le persecuzioni di obiettori di coscienza, disertori e manifestanti nonviolenti contro la guerra.