Un crimine…

Un crimine…

Il Presidente di Pax Christi commenta, a caldo, le parole di Papa Francesco in Giappone

 “Oggi, 24 novembre, è una giornata molto importante, direi storica per la pace.”  Mons. Giovanni Ricchiuti, Presidente di Pax Christi, così ha commentato, a caldo, le parole di papa Francesco a Hiroshima e Nagasaki. “Non posso che esprimere la più totale condivisione e sintonia con papa Francesco”. E credo di interpretare i sentimenti non solo di Pax Christi Italia ma anche di Pax Christi International.”

            “Con convinzione desidero ribadire che l’uso dell’energia atomica per fini di guerra è, oggi più che mai, un crimine, non solo contro l’uomo e la sua dignità, ma contro ogni possibilità di futuro nella nostra casa comune. L’uso dell’energia atomica per fini di guerra è immorale, come allo stesso modo è immorale il possesso delle armi atomiche, come ho già detto due anni fa.” Così ha detto papa Francesco, e ha aggiunto “saremo giudicati per questo”. E ancora “Come possiamo parlare di pace mentre costruiamo nuove e formidabili armi di guerra? Come possiamo parlare di pace mentre giustifichiamo determinate azioni illegittime con discorsi di discriminazione e di odio?”

 

            “Sono parole forti – commenta il vescovo Ricchiuti  e danno forza a tutti quelli che lavorano per la pace, che nei nostri territori denunciano la corsa al riarmo, che chiedono che anche l’Italia aderisca al Trattato che mette al bando le armi nucleari. Abbiamo davanti un grande lavoro da fare!  Sia come chiesa, sia come società civile.

Penso alla decisione che la Camera ha preso, qualche giorno fa approvando, di fatto, il progetto degli F35. Penso alle dichiarazioni del Ministro degli Esteri che, dopo l’ennesimo naufragio con alcuni morti davanti a Lampedusa, dice che ‘dobbiamo lavorare per fare in modo che le imbarcazioni non partano più dalle coste libiche, da quelle tunisine e dal Nord Africa.’

“Ma con quale competenza, e come si permette di affermare certe cose?

Non possiamo lasciare cadere nel vuoto gli appelli di papa Francesco. Non lo vogliamo lasciare solo. Quando lo abbiamo incontrato come Consiglio Nazionale lo scorso 12 gennaio, ci ha detto le stesse cose che ha detto oggi, aggiungendo “forse non mi ascolteranno, ma la Chiesa non può tacere”. “La strada degli artigiani di pace – conclude il Presidente di Pax Christi – è una strada che non si può abbandonare. Dobbiamo continuare a lavorare, costruire, denunciare, annunciare, perché la storia non si cambia se non cambiano le radici profonde dell’ingiustizia e della guerra.  Nunca mas ha detto Francesco nella sua lingua…”

            ‘Mai più la guerra, mai più il boato delle armi, mai più tanta sofferenza. Venga la pace nei nostri giorni, in questo nostro mondo. O Dio, tu ce l’hai promesso…”

 

24 novembre 2019

mons. Giovanni Ricchiuti, Presidente Nazionale di Pax Christi

 vescovo di Altamura – Gravina – Acquaviva delle Fonti

fonte: paxchristi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Prima le donne e i bambini

Elena Buccoliero di Elena Buccoliero


Il tappeto afgano »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Lettera dei bambini sull'uso delle parolacce »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Sardegna: insieme per la pace e la nonviolenza »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Lettera aperta a Greta Thunberg »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


Papà Mario e la sua lotta »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »