2 Giugno,festeggiamo la Repubblica- L’Italia è fondata sul lavoro e ripudia la guerra

2 Giugno,festeggiamo la Repubblica- L’Italia è fondata sul lavoro e ripudia la guerra

Di seguito riportiamo il documento del Movimento Nonviolento diffuso a livello nazionale per il 2 giugno, la Festa della Repubblica.

Siamo sempre stati dalla parte della Costituzione, che è il patto comune su cui si fonda la nostra Repubblica, antifascista, che ripudia la guerra. Lo eravamo ieri, lo siamo oggi, e lo saremo domani.

Senza strumentalizzazioni. La Carta costituzionale la si accetta e rispetta integralmente, non solo quando e se fa comodo alla propria parte, che magari la dimentica quando si parla di solidarietà, di istruzione, di pace, di lavoro e diritti per tutti.
La Costituzione è un antidoto al fascismo, che può presentarsi ancora, nascosto dietro al qualunquismo, al nazionalismo, al sovranismo, idee che preferiscono i muri ai ponti verso un’Europa che dev’essere strumento e luogo di convivenza e pace.

….

Il simbolo dell’Italia dovrebbe essere l’urna elettorale, nella quale i cittadini hanno fatto la scelta fondamentale tra Repubblica e Monarchia. La nostra democrazia deriva da quella scheda.

Il 2 giugno è il compleanno della Repubblica, figlia della madre Resistenza (che fu un movimento prevalentemente civile e popolare antifascista e antinazista) e del padre Referendum (strumento fatto di seggio, scheda, matita, che per la prima volta usarono anche le donne).

Il sistema democratico repubblicano, scelto il 2 giugno 1946 dal popolo italiano, getta i semi dai quali il primo gennaio 1948 nascerà la Carta Costituzionale.

Il primo articolo indica come la nostra Repubblica sia fondata sulla forza del lavoro. Gli articoli successivi, dal 2 al 10, i principi fondamentali, contengono il richiamo ai diritti inviolabili dell’uomo, l’uguaglianza e la pari dignità sociale di tutti, il diritto al lavoro, le autonomie locali ed il decentramento amministrativo, la tutela delle minoranze linguistiche, l’indipendenza dello Stato e della Chiesa, la libertà per tutte le confessioni religiose, lo sviluppo della cultura, la ricerca scientifica, la tutela del paesaggio, del patrimonio artistico e monumentale, il riconoscimento del diritto internazionale e il diritto d’asilo per lo straniero; infine vi è l’articolo 11, il ripudio della guerra come strumento di offesa alla libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.

A chiusura dei principi fondamentali, i costituenti hanno scelto di inserire, con l’articolo 12, la descrizione della nostra bandiera tricolore, che è il simbolo unitario che racchiude in sé i valori precedentemente espressi, dal lavoro al ripudio della guerra.

Tutto questo significa che i cittadini e i lavoratori devono costruire le condizioni economiche e sociali per la dignità della vita di tutti coloro che vivono nel nostro paese, e che la guerra è l’unico vero disvalore da espellere per sempre dal contesto civile.

Per questo riteniamo che i 25 miliardi di euro che saranno impiegati anche quest’anno per le spese militari vadano contro la Costituzione e sperperino denaro sottratto alle tante necessità attuali (lavoro, sanità, istruzione, cultura, ricerca, protezione civile, pensioni, ecc.).

Noi vogliamo essere cittadini obbedienti alla Costituzione italiana, scritta subito dopo il flagello del secondo conflitto mondiale, e per questo vogliamo festeggiare il 2 giugno con lo spirito civile di una festa di popolo, insieme alla forze vive della Repubblica: i lavoratori, le categorie delle arti e dei mestieri, gli studenti, gli educatori, gli immigrati, i bambini, i giovani del servizio civile, i disoccupati che lavoro non trovano, tutti coloro, cioè, che in diversi modi attuano i primi 12 articoli della Costituzione.

Per tutto questo noi celebreremo in modo civile e disarmato il 2 giugno. Saremo in molte piazze italiane dove innalzeremo le bandiere della pace e i cartelli con l’articolo 11 della Costituzione.

Invitiamo tutti i rappresentanti istituzionali, le autorità civili delle nostre città, sindaci, prefetti, consiglieri comunali, deputati e senatori, a partecipare con noi alle celebrazioni civili, disarmate e nonviolente del 2 giugno.

Viva la Repubblica, viva la democrazia, viva la pace, fondamento del futuro dell’Italia.

Il ripudio della guerra, e della sua preparazione, passa da qui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Anniversari »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Ad un mese dalla Perugia-Assisi »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


L'ora. 4 novembre 2018 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Rinnovare la marcia Sarda della Pace »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Quanto pesano certe parole? »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »