4 novembre: Ma quale vittoria?

4 novembre: Ma quale vittoria?

Riflessione di Renato Accorinti (ex Sindaco di Messina) sul 100° anniversario del 4 novembre, “vittoria” della prima guerra mondiale

Sono passati 100 anni e ogni 4 novembre si celebra la “vittoria” e
“l’inutile strage” della prima guerra mondiale. Ma quale “vittoria”? La
guerra è la più grande sconfitta dell’umanità e dopo l’immane tragedia
della prima guerra mondiale l’uomo riesce a fare di peggio: fa la
seconda guerra mondiale e sgancia le BOMBE ATOMICHE … E’ L’INFERNO.

Per la prima volta l’uomo comprende che la specie umana può scomparire dalla faccia della terra.
Subito dopo si costituisce l’ONU per dire stop alla guerra e iniziare un
cammino di pace.

Ancora una volta si ricade nello stesso errore: si rifanno le guerre e
si sperperano immense e incalcolabili risorse economiche per riarmarsi e
vendere armi anche ai più feroci dittatori dei paesi più poveri; hanno
“giustificato” e difeso l’indifendibile. È la BARBARIE. RISULTATO?

Alcuni Paesi si arricchiscono, ma sulla pelle e sulla vita di miliardi
di esseri umani, condannandoli a sopravvivere a guerre, torture e miseria.
Solo pochissimi riescono a fuggire dai loro Paesi e dalla certezza di
morte o miseria, affrontando con i loro bambini il buio del mare nelle
“carrette” e nei barconi. Ma finalmente arrivano in occidente. Evviva,
ce l’hanno fatta: è la salvezza, la libertà! Poi scoprono che sono
arrivati proprio in quei Paesi che, con le loro politiche e la loro
finanza feroce, hanno travolto le loro comunità e le loro vite.
Ti fanno sentire che sei tu l’invasore, che ruberai il loro lavoro e la
loro sicurezza. 

Come sono GENIALI questi politici! Sanno ribaltare la realtà. Depredano
le risorse dei vostri Paesi poveri per foraggiare la propria economia e,
al tempo stesso, spendono miliardi per le armi e non trovano risorse per
i più poveri, a casa propria come all’estero. Fanno la loro fortuna,
costruiscono il loro capitale di consenso politico sulla vostra pelle,
umiliandovi quando arrivate qui nudi e disperati.

Il problema siete VOI!

BENVENUTI, MIGRANTI. SIAMO TUTTI MIGRANTI. PEACE, NO WAR.

Messina, 4 novembre 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


Moena, una bellezza inebriante /2 »

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Se la Nato chiama… »

Consigli di lettura

di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 42 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Dietro l'emergenza i grandi problemi »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »