Agnese ci ha lasciato

Agnese ci ha lasciato

L’11 marzo 2021 se n’è andata a 87 anni Agnese Gozzi. Per tutti i modenesi era l’Agnese Santi, con il cognome del marito come si usava in tempi meno sensibili al rispetto delle individualità.

Agnese (nella foto è la signora in primo piano con il cappellino) ha fatto molto per la sua città. Il Sindaco di Modena, al compimento degli 80 anni, le ha fatto dono della Bunéssma (la “Bonissima”, copia della storica statua che tutta Modena conosce e ama, alloggiata in un angolo del Palazzo Comunale su piazza Grande), che simboleggia la dedizione al prossimo, il “fare del bene”, riconoscimento che viene conferito alle e ai modenesi che si sono spesi per il bene comune. Agnese lo ha fatto. Era nata nel 1933 a S. Felice sul Panaro, poi da bambina è approdata a Modena nel quartiere della Crocetta, un quartiere operaio e popolare, quello delle Fonderie e del 9 gennaio 1950, dei lavoratori uccisi dalla polizia, un quartiere “difficile” anche in tempi vicini a noi, più povero e per questo più abitato dai meno abbienti, vecchi e nuovi cittadini di una Modena sempre più multietnica e plurale. Posto ideale per il generoso impegno di Agnese, per una sua particolare vocazione alla solidarietà che l’ha fatta conoscere e amare nel suo quartiere e poi in tutta la città. Gli ultimi, i più bisognosi e in difficoltà, sono stati il suo costante punto di riferimento. Anziani, giovani, famiglie, persone con disabilità, nuovi cittadini provenienti da ogni parte del mondo. Aveva iniziato il suo ‘servizio’ come dirigente di Azione Cattolica nella chiesa di S. Caterina dove lo zio don Aristide era parroco.

Nel 1974 in parrocchia arrivò come aiuto Padre Angelo Cavagna, dehoniano, prete operaio. Un incontro fondamentale: insieme fondano il Gruppo Volontari Anziani il GVA. Poi nel 1977 nacque il GAVCI (Gruppo Autonomo di Volontariato Civile in Italia). E con il GAVCI un impegno tenace per l’obiezione di coscienza al servizio militare e per il servizio civile. I primi cinque obiettori di coscienza in servizio al GAVCI abitarono per 20 mesi (era questo allora il periodo del servizio civile) nel solaio della famiglia Santi, dove al pian terreno aveva sede l’associazione. Qui si svolgeva anche un doposcuola per i ragazzi in difficoltà scolastica. Seguirono anni di lotte per il “diritto” all’Obiezione di Coscienza al militare e per un Servizio Civile parificato col Servizio Militare. Il GAVCI, di cui è presidente il figlio di Agnese, Eugenio, è un’associazione laica nazionale che si è sempre impegnata per la pace e la nonviolenza, contro le guerre e gli armamenti con molteplici iniziative. Il Movimento Nonviolento ricorda la preziosa collaborazione del GAVCI per la festa del 50° di Azione nonviolenta, nel 2014, nel cuore del quartiere Crocetta.

L’Agnese è sempre stata l’anima del gruppo e con la sua semplicità, il suo sorriso e la sua forza interiore ha continuato per tutta la vita a testimoniare scelte di pace e nonviolenza nella vita quotidiana, a stare accanto a chi più ne aveva bisogno, a interessarsi alle famiglie in difficoltà, agli anziani, ai giovani più fragili, agli immigrati, facendo della sua casa ‘aperta’ un luogo di ospitalità e accoglienza. La sua aspirazione di “lavorare per la pace” si è sempre concretizzata nelle sue attività sociali e nello stimolare le persone a credere in se stesse, dando loro speranza, fiducia e forza.

Agnese ci ha lasciato l’11 Marzo, alla vigilia del 44° anniversario del GAVCI e della giornata dedicata a San Massimiliano, patrono degli Obiettori di Coscienza. La ricordiamo con gratitudine e commozione.

  1. Avatar
    Maria Giovanna Giacobazzi 19 Marzo 2021, 20:21

    Sono una volontaria di lungo corso ed ho un ricordo indelebile e affettuoso dj Agnese ,roccia e costruttrice di pace ,rimarrà sempre nei nostri cuori….Grazie per quello che hai fatto per noi e per tutti quelli che hanno avuto la fortuna e il dono di incontrarti…e soprattutto per quello che ci hai insegnato…

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Per le vie di Roma nel 1965 »

Incontrando persone, vivendo il presente

Giorgio Gatta di Giorgio Gatta


La pandemia e quel dolore inesauribile »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Un filo scorre fra anarchia e nonviolenza »

Consigli di lettura

Enrico Pompeo di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 39 »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Giornalismo contro opinionismo »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Sollevare un ginocchio di qualche centimetro »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »