• 1 Luglio 2022 4:16

AIUTATECI A FAR SAPERE COSA ACCADE IN RUSSIA. Gli insegnanti sono costretti a raccontare falsità ai bambini

DiRedazione

Mar 10, 2022

AIUTATECI A FAR SAPERE COSA ACCADE IN RUSSIA. Gli insegnanti sono costretti a raccontare falsità ai bambini. Il secondo report di Elena Popova, da San Pietroburgo per noi.

Tutto quello che vi dico dovete comunicarlo a tutti, io vi scrivo per rendere il tutto pubblico.

Quando sono uscita dalla libreria, nella strada c’era molta polizia; la manifestazione si era già conclusa perché tutti i partecipanti erano stati arrestati immediatamente. Ho visto quattro poliziotti che improvvisamente hanno sequestrato un giovane e lo hanno portato alla macchina della polizia e io ho acceso il mio telefono filmandoli e gridando: “Dove lo state portando? Forse ha bisogno di assistenza medica, cosa state facendo?”. Immediatamente ho visto due o più poliziotti venire direttamente da me prendermi per mano dicendo: “Lo seguirai anche tu”. È così che siamo stati presi alla fine, siamo stati uniti alla gente che era stata presa dalle strade, c’era molta, davvero molta gente che non sapeva quasi niente dell’azione, alcuni di loro hanno sentito parlare dell’azione ma non hanno partecipato perché in realtà l’azione di protesta era finita forse una o due ore prima. C’erano tanti bus della polizia pieni di persone arrestate nelle strade. Mentre ero sull’autobus che ci portava al comando di polizia ho spiegato immediatamente alle persone cosa stava succedendo e come dovevano comportarsi nella stazione di polizia, cosa avremmo fatto dopo, perché naturalmente c’erano molte persone che non erano mai state arrestate e ricordo bene i miei sentimenti di paura di anni fa quando sono stata arrestata per la prima volta.

Gli insegnanti devono tenere lezioni speciali per spiegare per quale motivo è stato necessario andare in Ucraina. Loro non possono utilizzare la parola guerra, né invasione, la devono chiamare “operazione speciale”. Sono stati creati dei materiali per gli insegnanti dal ministero dell’istruzione. Ci sono anche delle video lezioni , per cui gli insegnanti dovranno spiegare ai bambini, in queste lezioni speciali, per quale motivo era necessario, per la pace e per il bene della Russia e del mondo intero, cominciare questa operazione. Sai, ho letto che ci sono stati casi in cui uno dei ragazzi ha fatto domande, ha chiesto qualcosa, e subito dopo i poliziotti sono andati a cercare i genitori. Non è così ovunque, ma ci sono stati diversi casi. Ho parlato con alcuni insegnanti, e mi dicono che è così umiliante, ciò che stanno facendo, che non hanno più dignità, dicono di essere spaventati dal dire qualsiasi cosa possa essere contro. Molti di loro capiscono la situazione, ma non possono fare diversamente.

Conosco una insegnate, dice di essere spaventata dal postare sul social media russo Vkontacte;  FaceBook qui non è molto popolare, i giovani usano invece questo social media; dice di essere spaventata anche dal mettere una reazione ai miei post contro la guerra perché qualcuno potrebbe vederlo e dirlo al preside della scuola. Non riesco a capacitarmi di questo, lei è così intelligente, così sveglia, non vive in una grande città, ma non posso immaginare che la paura sia così forte. Credo che la prima cosa che dovremmo fare è superare questa paura tra le persone.

C’è stato un caso, un prete in una chiesa ha detto alcune parole del tipo che fratelli e sorelle non dovrebbero uccidersi a vicenda, non dovrebbero uccidere altre persone, e altre cose simili che un prete può dire in chiesa; ma dopo questa predica c’è stata una persecuzione contro di lui. Credo sia stato uno dei primi casi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.