Andate all’inferno…

Andate all’inferno…

Questa volta il “politicamente scorretto” non sono io, ma nientepopòdimeno che: Papa Bergoglio!

Francesco, infatti, ha mandato direttamente all’inferno i corrotti e i fabbricanti d’armi. Sì, ha detto proprio così, i “fabbricanti d’armi”.

Non i “trafficanti” d’armi (definizione che solitamente si applica al commercio illegale), ma proprio i “fabbricanti”, cioè coloro che “legalmente” costruiscono e vendono armi. E il Vescovo di Roma non ha fatto differenze tra armi leggere o armi pesanti, tra una semplice bomba a mano o una nave da guerra. L’elenco dei fabbricanti è lunghissimo… per rimanere solo in Italia, per esempio, ditte come Beretta, Breda, Finmeccanica, Fincantieri, Ansaldo, Fiat, Valsella, ecc. se non cambiano immediatamente la linea di produzioni belliche, rischiano il fuoco eterno.

Certamente il Papa non usa parole a caso, se ha detto così intendeva dire proprio così. Posso immaginare lo sconcerto che sta serpeggiando ora ai piani alti di sedi prestigiose di holding, aziende, banche, multinazionali, coinvolte nel settore.

Ma c’è di più. Finmeccanica (che produce sistemi bellici elettronici, elicotteri, cacciabombardieri, missili, siluri e cannoni, ecc.) è al 30% di proprietà pubblica, cioè sotto il controllo del governo italiano. Cosa accade allora? Che il 30% del governo, cioè dello Stato italiano, è già condannato ad essere arrostito da Satana? La cosa è molto preoccupante.

Un saggio proverbio dice: “scherza con i fanti, lascia stare i santi”. Significa che i fanti (esercito) appartengono alla sfera dell’effimero, mentre i santi (nonviolenza) appartengono alla sfera della permanenza. Dunque, l’anatema di Papa Francesco va preso molto sul serio.

Fossi un fabbricante d’armi, non dormirei sonni tranquilli.

Convertirsi alla nonviolenza è quanto mai conveniente.

Mao Valpiana

  1. Avatar

    Ieri quando ho ascoltato il discorso aveva colpito anche a me l’uso della parola “fabbricanti”. Pure in questo caso Francesco stupisce con il suo linguaggio, con il modo azzeccato e mai casuale o banale, con cui adopera i singoli termini. Non lo ha usato a caso. Speriamo davvero che i vari destinatari a cui era rivolto quel messaggio lo abbiano ascoltato. Magari lasciandosi anche un po’ “bruciare” dentro la coscienza da quel fuoco che loro stessi fabbricano, e che è anche il frutto e la conseguenza di ciò che creano: le grida innocenti delle vittime.
    Quanto mai dopo questo discorso la nonviolenza diventa acqua di salvezza 🙂

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Connessioni e frizioni

Adel Jabbar di Adel Jabbar


La lunga paralisi dell’Iraq »

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Davide »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Crisi e nonviolenza »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Addio 2020 - stato e società nella pandemia »

Consigli di lettura

Enrico Pompeo di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 36 »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Sollevare un ginocchio di qualche centimetro »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »