• 2 Luglio 2022 15:54

Bandiere Russa e Ucraina sul volto. Il coraggio di essere contro la guerra

DiRedazione

Mar 14, 2022

Riceviamo ancora notizie da Elena Popova, portavoce degli obiettori di coscienza russi. La sua coraggiosa resistenza nonviolenta è nelle azioni di ogni giorno, con la consapevolezza dei propri limiti e la forza di fare la differenza.

Dopo due settimane e mezzo dall’inizio della guerra, ho deciso di trascrivere le mie impressioni.
Oggi ho incontrato un’amica al Centro della Comunità Ebraica in Rubinstein Street. Mi ha detto che nella scuola dove lavora, una ragazza ha pubblicato sul suo Instagram una foto scattata con un amico di Kiev, in cui erano ritratti vicini, con le bandiere russa e ucraina dipinte sul viso.
La scuola è stata contattata. Il preside ha chiamato la ragazza e ha avuto una “conversazione educativa” con lei davanti alla telecamera, chiedendole di rimuovere la foto. La ragazza ha avuto il coraggio di rispondere “Non ho intenzione di farlo”. Quando ha lasciato l’ufficio con le lacrime agli occhi, uno dei suoi insegnanti si è avvicinato a lei per chiederle cosa stava succedendo. E il direttore è intervenuto dicendo: “La lasci sola”.
Adulti! Occupatevi di questa ragazza!
Sono tornato a casa e prima di andare in negozio ho incollato dei volantini alle porte di casa e nel negozio stesso (uso il nastro adesivo).
Capisco molto bene che queste parole non fermeranno i missili e i carri armati. Ma possono dare supporto a qualcuno e aiutare ad affrontare la paura.
Perché il prodotto più tossico della guerra è la paura.
Il testo del mio volantino è:
Cittadini! Vi prego! Abbiate il coraggio di non sostenere la guerra.

San Pietroburgo, 13 marzo 2022

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.