• 30 Novembre 2022 20:41

BASTA STRAGI!

Diadmin

Ott 12, 2015

Rilanciamo questo comunicato stampa della Rete Kurdistan e Comunità Curda

A poco meno di un mese dalla elezioni politiche in Turchia che si svolgeranno il 1° Novembre, ieri mattina un attentato ha colpito la manifestazione per la pace organizzata ad Ankara da KESK, DISK, TMMOB, TTB e diverse sindacati , associazioni, organizzazioni  e HDP ha partecipato. Una delle due esplosioni si è verificata durante il passaggio dell’HDP (Partito democratico dei popoli) e l’altra durante il passaggio dei manifestanti di Partizan-Kaldıraç.

Secondo l’unita di crisi dell’HDP il bilancio aggiornato delle vittime delle bombe è di 128 morti e 516 feriti. Una strage terribile che è solo l’ultimo episodio di una strategia della  violenza e della repressione che Erdogan sta portando avanti in Turchia: nel mese di Maggio durante la campagna elettorale sono stati lanciati 150 attacchi contro le sedi dell’HDP ; il 5 giugno a due giorni dalle elezioni due bombe sono esplose a Diyarbakir durante il comizio (5 morti oltre 400 feriti), l’attentato all’Amara Center di Suruc il 20 Luglio (33 morti), i bombardamenti contro il PKK ed il terrorismo di stato contro le città del Kurdistan turco da più di due mesi sottoposte a continui coprifuochi; attacchi, torture ed omicidi contro la popolazione (negli ultimi 78 giorni sono stati uccisi 113 civili).

Non sono le bombe, il vostro silenzio ci uccide” è la frase scritta su di un muro comparsa ad Ankara questa mattina.

Proprio per questo è urgente passare all’azione, è ora di agire! Scendiamo in piazza in tutta Italia a sostegno della pace, contro le stragi di stato ed il terrorismo di Erdogan

Primi appuntamenti:

Domenica 11 Ottobre
BOLOGNA ore 15 – Piazza Maggiore

Lunedi  12 Ottobre
ROMA ore 17 Piazza delle Repubblica

Martedì 13 Ottobre
TORINO ore 17:30 – Stazione  Porta Nuova

Martedì 13 Ottobre
PISA ore 17:30 – Piazza del Comune

Martedì 13 Ottobre
MILANO  ore 19 dal Piazza XXIV Maggio presidio verso Piazza Duomo

Rete Kurdistan e Comunità curda

immagine tratta da it.euronews.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.