Centenario del milite ignoto e riabilitazione dei fucilati durante la grande guerra

Centenario del  milite ignoto e riabilitazione dei fucilati durante la grande guerra

Il 28 ottobre 1921 Maria Bergamas, nella Basilica di Aquileia, scelse la salma di un soldato non identificato, ignoto, morto sul fronte della Grande Guerra. Il 4 novembre 1921, terzo anniversario della fine della Grande Guerra, il Milite Ignoto veniva tumulato all’ Altare della Patria. Di entrambe le date ricorre in questi giorni il centenario.

Articolo di Francesco Cecchini

Fu il colonnello Giulio Douhet, poi diventato generale, nel 1920, a volere che il governo italiano ricordasse i 600.000 soldati caduti in guerra. Va detto che il generale Douhet era stato molto critico come gli alti militari italiani, a partire dal generalissimo Luigi Cadorna, poi destituito dopo Caporetto nell’ autunno del 1917, avevano condotto la guerra. Per il colonnello Giulio Douhet il Milite Ignoto doveva testimoniare di una vittoria ottenuta non grazie alla guida dei vertici dello Stato italiano ma malgrado essi e grazie proprio ai soldati.

Nell’ ambito delle celebrazioni per il centenario del Milite Ignoto una lapide è stata posta nel Vittoriano alla presenza del sottosegretario alla Difesa, Giorgio Mulè, con scritto che va reso onore ai soldati fucilati durante la Grande Guerra. Furono oltre 750 le vittime del militarismo ad opera di sentenze dei tribunali speciali che si adeguarono alle circolari di Luigi Cadorna che imponeva esecuzioni per l’esempio.

La senatrice Tatjana Rojc, che aveva depositato un disegno di legge recante Disposizioni per la riabilitazione storica degli appartenenti alle Forze armate italiane condannati alla fucilazione dai tribunali militari di guerra nel corso della prima Guerra mondiale, commentando la posa di una targa commemorativa a Roma al Vittoriano, dedicata anche ai militari italiani fucilati nel corso della Prima Guerra mondiale, ha così commentato: “Con l’apposizione della lapide al Vittoriano è stato fatto un primo e significativo passo verso la riabilitazione di centinaia di ragazzi italiani fucilati ingiustamente per mano amica, per reati mai commessi. La ricorrenza del centenario della traslazione della Salma del Milite Ignoto all’Altare della Patria rende il gesto altamente simbolico, dando seguito a quanto disposto dalla Risoluzione della commissione Difesa del Senato, presieduta dall’ on. Pinotti, approvata con il concorso di tutti i gruppi parlamentari il 10 marzo scorso“.

Al di là di queste considerazioni, ciò che fa riflettere è che l’Italia è forse l’unico tra i grandi Paesi europei che parteciparono alla Prima guerra mondiale a non aver ancora preso posizione sulle fucilazioni avvenute durante il conflitto, con una legge nazionale. Per esempio il 21 maggio 2015 venne approvato alla Camera venne approvata la legge Scanu, Zanin e Basilio che prevedeva la riabilitazione dei fucilati. Questa legge fu poi completamente modificata in Senato trasformando i riabilitati in perdonati.

A livello regionale le cose vanno meglio:
Il Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia ha approvato una proposta di legge per riabilitare quei soldati italiani fucilati all’interno dei suoi attuali confini durante la Prima guerra mondiale, per ordine dei tribunali militari straordinari. Inoltre ha istituito una ”Giornata regionale della restituzione dell’ onore” ogni primo luglio in ricordo della fucilazione di quattro alpini — Basilio Matiz, Silvio Gaetano Ortis, Giovanni Battista Coradazzi e Angelo Primo Massaro, avvenuta a Cercivento, nella Carnia, nel 1916. I quattro furono condannati a morte dopo un breve processo sommario per essersi rifiutati di eseguire l’ordine di conquistare la cresta di una collina in pieno giorno, un’impresa praticamente suicida visto che si trovavano nei pressi del fronte nemico, sul passo di Monte Croce Carnico. Uno di loro non era nemmeno coinvolto e fu scelto probabilmente in modo casuale. Ma quella dei fucilati di Cercivento è solo una delle tante storie di soldati italiani vittime della spietatezza dell’alta gerarchia militare di quell’epoca.

Lo scorso agosto, Roberto Ciambetti, presidente del Consiglio regionale del Veneto ha presentato un progetto di legge Disposizioni per la ricerca storica sulle fucilazioni e la commemorazione dei fucilati durante la prima Guerra Mondiale nel territorio della Regione Veneto.

CONCLUSIONI
La lapide sul Vittoriale che rende onore ai fucilati durante la Grande Guerra, la legge in Friuli Venezia Giulia che riabilita i fucilati nella regione, il progetto di legge di Roberto Ciambetti possono spingere il Parlamento italiano a un atto di giustizia atteso da più di un secolo, una legge nazionale di riabilitazione.

(Articolo tratto da ancorafischiailvento.org)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Cominciare con gli alberi »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


RITORNO AL FUTURO »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Sulle forme di lotta antimilitariste »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Dieci domande scomode da fare a Babbo Natale »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


Diritti, l'unico vaccino per la democrazia »

Politicamente scorretto

di Mao Valpiana


Sul caso Riace, dei mezzi e dei fini »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »