• 28 Settembre 2022 1:57

EBCO in Finlandia a sostegno degli obiettori di coscienza e dei disertori ucraini, russi e bielorussi

DiRedazione

Set 13, 2022

L’Ufficio europeo per l’obiezione di coscienza (EBCO-BEOC) ha svolto la sua assemblea generale, cui anche il Movimento Nonviolento prende parte, a Helsinki e ha organizzato una serie di eventi in collaborazione con l’organizzazione finlandese che ne fa parte, l’Unione degli obiettori di coscienza (Aseistakieltäytyjäliitto – AKL), dal 2 al 6 settembre 2022.

Lunedì 5 settembre, presso la Biblioteca centrale di Helsinki Oodi, si è tenuta una conferenza stampa in cui l’EBCO e l’AKL hanno dato la parola agli obiettori di coscienza della guerra di aggressione lanciata dalla Russia contro l’Ucraina e hanno chiesto ai governi europei di fornire a tutti loro protezione dei diritti umani e asilo. È possibile vedere la registrazione video qui: https://youtu.be/j4rc3qJfXGE

Alexander Belik, attivista e avvocato in esilio del Movimento russo degli obiettori di coscienza, era presente dal vivo all’evento e ha spiegato la situazione degli obiettori di coscienza, dei disertori, dei resistenti alla guerra e della società civile in Russia, nonché dell’opposizione russa all’estero.

Yuri Sheliazhenko, Segretario esecutivo del Movimento Pacifista Ucraino, ha parlato online da Kiev e ha spiegato l’impatto del divieto di viaggio per tutti gli uomini e la sospensione del diritto all’obiezione di coscienza a causa della mancanza di disposizioni per un servizio alternativo non militare durante la mobilitazione militare.

Alexia Tsouni, presidente dell’EBCO, ha presentato l’appello congiunto IFOR-WRI-EBCO-Connection e.V., che si rivolge al Parlamento europeo e all’Assemblea parlamentare del Consiglio d’Europa (APCE) chiedendo ai governi europei di fornire protezione dei diritti umani agli obiettori di coscienza e ai disertori russi che si rifiutano di combattere nella guerra di aggressione della Russia, senza dimenticare gli obiettori di coscienza bielorussi e ucraini. L’appello è già sostenuto da circa 60 altre organizzazioni per la pace, i diritti umani e i rifugiati di tutta Europa. Le organizzazioni per la pace ricordano che anche il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha esortato i Paesi dell’UE a trovare il modo di offrire asilo ai disertori russi che si rifiutano di andare in guerra.

Derek Brett, a nome dell’EBCO, ha presentato l’ultimo Rapporto annuale dell’EBCO sull’obiezione di coscienza al servizio militare in Europa 2021 e ha fatto riferimento alle norme europee e internazionali in materia.

La conferenza stampa è stata moderata da Esa Noresvuo, Segretario dell’EBCO e delegato dell’AKL. Alle presentazioni è seguito un proficuo dibattito, con la partecipazione attiva di Kimmo Kiljunen, membro del Parlamento finlandese e rappresentante dell’APCE.

Martedì 6 settembre si è tenuta una riunione congiunta EBCO – AKL presso il Ministero dell’Economia e del Lavoro. Alexia Tsouni, Esa Noresvuo e Noora Pätsi hanno incontrato Piritta Jokelainen, consigliere speciale del Ministro del Lavoro Tuula Haatainen, e hanno discusso il MEMO sulle preoccupazioni e le raccomandazioni dell’EBCO per la piena attuazione del diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare in Finlandia.

L’EBCO ha formulato le seguenti raccomandazioni al governo finlandese:

1) Ridurre la durata del servizio alternativo non militare e garantire che l’alternativa al servizio militare non sia punitiva o discriminatoria nella sua durata e natura e che sia accessibile anche a coloro che prestano servizio militare.

2) Garantire un accesso paritario alle informazioni sul servizio non militare per i soldati di leva e assicurare la stessa possibilità anche durante il servizio militare.

3) Rilasciare tutti gli obiettori di coscienza che si trovano in carcere o che sono sottoposti a pene di controllo e abolire le pene per gli obiettori di coscienza.
Abolire le punizioni per gli obiettori di coscienza al servizio militare e al servizio alternativo.

4) Mantenere sotto controllo civile tutti i comitati e i gruppi incaricati di sviluppare o mantenere alternative non militari al servizio militare e garantire la loro indipendenza dall’autorità militare.

5) Evitare di esporre i minori a iniziative militari e in particolare alla possibilità di usare armi, anche se di replica o dimostrative.

6) Garantire la protezione internazionale agli obiettori di coscienza che fuggono dai loro Paesi in cui i loro diritti sono violati, compresi tutti coloro che cercano di evitare il coinvolgimento da entrambe le parti nell’attuale conflitto in Ucraina. L’EBCO ricorda che i visti turistici sono una potenziale via di fuga dalla Russia per coloro che cercano di evitare il servizio militare.

Venerdì 2 settembre, l’EBCO ha incontrato gli obiettori di coscienza al servizio militare finlandesi e gli attivisti per la pace presso la Stazione della Pace, esprimendo pieno sostegno e solidarietà all’obiettore Miro Partanen, attualmente agli arresti domiciliari.

Sabato 3 settembre si è svolta l’Assemblea Generale dell’EBCO presso la Stazione della Pace e online (riunione ibrida), gentilmente ospitata da AKL. La prossima Assemblea generale dell’EBCO si terrà ad Atene, in Grecia, sabato 22 aprile 2023.

Domenica 4 settembre EBCO e AKL hanno organizzato un’azione presso l’ufficio dell’Unione Europea a Helsinki per promuovere l’appello congiunto IFOR-WRI-EBCO-Connection e.V. che chiede ai governi europei di concedere protezione e asilo agli obiettori di coscienza e ai disertori russi, bielorussi e ucraini.

Il Movimento Nonviolento, rilanciando l’appello internazionale di WRI, EBCO e IFOR, prosegue in Italia la Campagna di Obiezione alla Guerra. Firma qui. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.