• 5 Luglio 2022 3:13

Elenco dei russi che rifiutano di combattere in Ucraina

DiRedazione

Apr 11, 2022

Le autorità russe hanno coinvolto una serie di forze armate nella guerra all’Ucraina: l’esercito regolare a contratto, i giovani che sono in servizio attivo, l’unità Rosgvardiya [forza militarizzata separata dall’esercito che è stata istituita nel 2016 per mantenere l’ordine pubblico e combattere il crimine – nota della Redazione], e molti altri. Ogni giorno sempre più persone in Russia rifiutano di andare in guerra e di sacrificare la loro vita. In questo documento traduciamo in italiano e rilanciamo le prove raccolte dal Movimento degli Obiettori di coscienza russi del rifiuto delle persone di partecipare alle ostilità. È lungi dall’essere esaustivo: questa è solo una piccola parte di tali casi che sono giunti all’attenzione dei media. Molti militari, specialmente i coscritti, affrontano coercizione e violenza e hanno paura di dichiarare apertamente la loro indisponibilità a combattere.

Questa lista viene costantemente aggiornata in russo e inglese qui

Elenco dei russi che rifiutano di combattere in Ucraina

  • Il giornale ucraino Grati ha riferito di almeno 80 marines che hanno rifiutato di partecipare alla guerra in Ucraina. Dopo essere stati portati in nave dalla Crimea alla regione ucraina di Kherson, hanno capito che ciò che li aspettava non erano esercitazioni, ma azioni militari contro le truppe ucraine. Il giornale lo ha appreso da una fonte nelle agenzie del ministero della Difesa russo in Crimea. Tra coloro che hanno rifiutato c’erano coscritti che avevano servito non più di qualche mese. I militari sono stati poi riportati in Crimea, dove hanno scritto rapporti sul loro rifiuto di partecipare alle azioni militari. Nonostante ciò, i militari a contratto sarebbero stati costretti a prendere parte alla guerra. L’ufficio del procuratore militare stava costringendo i coscritti a ritirare il rapporto, minacciando di avviare un procedimento penale. La pressione è cessata dopo il discorso di Vladimir Putin del 5 marzo, dove ha dichiarato che la partecipazione dei coscritti alla guerra non era prevista e che quelli di loro coinvolti in operazioni di combattimento sarebbero stati ritirati dall’Ucraina (Grati, 12 marzo).
  • Il 25 febbraio, a diversi combattenti della Rosgvardiya di Krasnodar, che erano alle esercitazioni militari in Crimea, è stato ordinato di partire per le azioni militari in Ucraina, ma si sono rifiutati di farlo. Si tratta del comandante del plotone della compagnia operativa OMON [unità di Rosgavrdiya] ‘Plastun’ Farid Chitav e dei soldati della sua compagnia. Hanno spiegato che consideravano l’ordine di attraversare il confine con un altro stato illegale, poiché la loro autorità era limitata al territorio della Federazione Russa. Il primo marzo, hanno appreso che il loro contratto era stato rescisso a causa del mancato rispetto dell’ordine. I 12 combattenti licenziati (solo una frazione di tutti quelli che avevano rifiutato di combattere) hanno deciso di andare in tribunale. Il loro caso è condotto dall’avvocato Mikhail Benyash. Pavel Chikov, un avvocato del gruppo internazionale per i diritti umani Agora, ha richiamato l’attenzione sull’incidente (Meduza, 24 marzo / 26 marzo). Secondo Benyash, dopo che la storia è stata resa pubblica, più di un migliaio di militari della Rosgvardiya e delle unità del Ministero della Difesa in tutto il paese si sono appellati a lui per aiutarli a rifiutare legalmente di prendere parte alla guerra (FT, 1 aprile). Nove dei 12 combattenti di Rosgvardiya hanno poi ritirato la causa (Mediazona, 29 marzo).

Voglio che altri combattenti sappiano che rifiutarsi di uccidere non è un crimine. Non è vergognoso. È normale. Se una persona dice ‘no’ a un ordine che la costringe a uccidere, può contare sulla nostra protezione. Gli avvocati dell’Agora e io gliela forniremo – avvocato Mikhail Benyash

  • Meduza ha raccontato la storia del militare a contratto Albert Sakhibgareyev, che aveva disertato dalla guerra. Secondo lui, all’inizio di febbraio la sua brigata fu inviata a un’esercitazione nella regione di Belgorod [della Russia], al confine con l’Ucraina. Il 24 febbraio, la brigata ha ricevuto l’ordine di sparare su obiettivi, che erano sconosciuti ai soldati, dal territorio della regione di Belgorod. Quando è diventato chiaro che c’era un fuoco di ritorno, i soldati hanno iniziato a dubitare di essere davvero in un’esercitazione militare. Sakhibgareev e i suoi compagni di servizio sono rimasti “scioccati” quando hanno scoperto l’inizio dell’invasione dell’Ucraina nei notiziari. Secondo le sue stesse parole, ha lasciato l’unità dopo essere stato picchiato da un ufficiale superiore (Meduza, 23 marzo).
  • Diversi militari a contratto della base della quarta guardia nell’autoproclamata Repubblica dell’Ossezia del Sud hanno rifiutato di combattere in Ucraina e sono tornati a casa da soli. Secondo Mediazona, i soldati hanno avuto un conflitto con il loro comandante, che ha rifiutato di prendere e mandare a casa il corpo del loro soldato ucciso (Mediazona, 31 marzo).

Da quanto ho capito, il problema è sorto quando uno dei soldati è saltato in aria su una mina e loro [i soldati] volevano prendere il suo corpo per mandarlo a casa. È che per noi Osseti il corpo di un amico morto è sacro, ma il loro capo ha detto loro: di quale corpo state parlando, gli manderemo solo una bara vuota. Hanno detto: ‘Siamo guerrieri, non siamo vigliacchi, ma mandarci in guerra per essere uccisi e poi non portare via il nostro corpo – diavolo, questo non ci serve’. Così se ne sono andati. E ieri sono tornati in Ossezia del Sud – fonte Mediazona

  • Secondo il giornalista Roman Tsimbalyuk, 58 militari a contratto della regione di Kaliningrad [della Russia] hanno rifiutato di partecipare alla guerra in Ucraina. Erano arrivati nella regione di Belgorod, da dove avrebbero dovuto essere trasferiti nella zona di guerra. Lì sono riusciti a parlare con i soldati di un’altra divisione che erano appena tornati da lì, dopo di che si sono rifiutati di andare oltre. Non ci sono altre fonti che confermino questa informazione (Sever.Realii, 29 marzo).
  • Secondo l’uscita Novy Fokus, 11 combattenti OMON della Repubblica di Khakassia [una regione della Russia] hanno rifiutato di partecipare alle azioni militari. Secondo i giornalisti del giornale, poco dopo l’inizio dell’invasione, i combattenti erano in un campo di combattimento in Bielorussia, dove hanno saputo della distruzione di una colonna di membri del SOBR [unità di Rosgvardiya] dalla Khakassia e dalla regione di Kemerovo, che era in viaggio verso Kyiv, da parte dell’esercito ucraino. La leadership militare avrebbe proibito ai sopravvissuti di raccontare l’incidente alle loro famiglie. I combattenti OMON che si erano rifiutati di combattere dopo queste notizie sono stati rimandati a casa e “hanno cercato di essere licenziati” (Meduza, 4 aprile).
  • Secondo l’uscita Pskovskaya Guberniya, circa 60 militari della regione di Pskov hanno rifiutato di andare a combattere in Ucraina. Sono stati portati in Bielorussia nei primi giorni di guerra e poi sono tornati a casa. L’outlet riferisce che la maggior parte di loro è stata licenziata e alcuni sono minacciati di accuse penali (Pskovskaya Guberniya, 6 aprile).
  • L’avvocato Maxim Grebenyuk, autore del gruppo ‘Ombudsman militare’ in [un social network russo] VK, ha detto a Mediazona che ha ricevuto circa 40 appelli dai dipendenti di varie unità con richieste di assistenza legale per rifiutare di partecipare alle operazioni militari. Per esempio, uno dei richiedenti che aveva lavorato nella zona di combattimento come autista ha detto nel suo rapporto che pochi giorni prima della guerra era stato mandato in viaggio d’affari “per svolgere compiti speciali”, era finito sotto il fuoco, “ha visto perdite di attrezzature militari e di personale” e “ha concluso che il personale è stato mandato in prima linea nelle operazioni di combattimento per affrontare la morte imminente” e in questo contesto ha considerato la sua partecipazione “non conveniente” e “non vuole tornare dopo la ritirata in prima linea”. Secondo le informazioni che Grebenyuk riceve dai suoi conoscenti, nelle procure e negli uffici degli inquirenti delle regioni confinanti con l’Ucraina ci sono molti rapporti sui rifiuti, e non si fa nulla per questi ordini. Dall’inizio della guerra, non un solo caso penale è stato archiviato ai sensi dell’articolo 332 del codice penale per “mancata esecuzione di un ordine che [il rifiuto] ha causato un danno sostanziale agli interessi del servizio”. La ragione è che la Russia non ha formalmente dichiarato guerra all’Ucraina e non ha introdotto la legge marziale, quindi non ci sono ordini per la partecipazione di militari nel territorio di un altro stato. I combattenti e i militari della Rosgvardiya vengono semplicemente licenziati per persistente rifiuto. In un’unità, più di 500 combattenti della Rosgvardiya si sarebbero rifiutati di andare in guerra, e i loro comandanti li hanno minacciati con ordini di licenziamento (Mediazona, 6 aprile).

I procuratori e gli investigatori non sanno cosa fare con loro [i rapporti sui rifiuti]. È impossibile avviare un caso, è anche impossibile non inviare il materiale da nessuna parte, quindi non fanno nulla. Partecipano solo all’intimidazione dei militari: se non vai, apriremo un caso – avvocato Maksim Grebenyuk

  • Gli attivisti dei diritti umani riportano un caso in cui un coscritto in servizio in una delle regioni al confine con l’Ucraina è riuscito a rifiutare di partecipare alle azioni militari. Ha presentato un rapporto affermando che non poteva partecipare all'”operazione speciale” a causa della sua “coscienza”, cioè delle sue convinzioni religiose, e la sua famiglia ha fatto appello al ministero della Difesa e ad altri funzionari su questo problema. L’unità gli ha promesso di non inviarlo alle operazioni di combattimento. Non riportiamo l’identità del coscritto né le fonti di informazione sul caso per motivi di sicurezza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.