• 5 Ottobre 2022 5:11

Expo e dintorni…

DiMao Valpiana

Mag 4, 2015

1) Convocare una manifestazione “No Expo” il giorno stesso dell’inaugurazione dell’esposizione universale, è segno di marginalismo perdente e minoritario, sconfitta e antagonismo fine e se stesso;

2) Organizzare un corteo “a rischio”, senza assumere le necessarie prevenzioni, è politicamente irresponsabile, roba da “dilettanti allo sbaraglio”;

3) Da tempo i movimenti nonviolenti ai cortei preferiscono momenti assembleari dove si espongono idee, proposte, testimonianze (tipo Arena di pace e disarmo a Verona, Facciamo un passo di pace a Firenze, la Perugia-Assisi, ed “Expo for Peace” che stiamo organizzando per l’estate, ecc.);

4) La parte migliore del movimento è costituita da quei volontari che oggi lavorano alla riparazione e pulizia delle strade devastate (concretizzando l’idea di “difesa civile”);

5) La critica ad Expo ha argomentazioni forti; le migliori sono espresse qui: https://www.facebook.com/PressenzaItalia/posts/814473671982986

(la sesta idea, sul cosiddetto “blocco nero”, non la esprimo tanto è evidente e risaputa).

Mao Valpiana.

Mao Valpiana

Presidente del Movimento Nonviolento e direttore della rivista Azione nonviolenta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.