I confini, le teste

I confini, le teste

I confini esistono, e bisogna difenderli anche con le armi“, ha detto (nel 2014 e non nel 1800), Salvini, segretario della Lega.

Che ogni famiglia abbia una casa e ogni popolo un territorio, segnato dalla sua storia e leggi e costumi, è giusto e naturale. Che gli esseri umani possano viaggiare, migrare, essere ospitati e integrati, altrettanto: del resto avviene da sempre nella storia umana, ed è linfa di sviluppo umano. Merci e notizie non conoscono più confini.

Erigere muri e leggi dure escludenti è come tagliare a pezzi il corpo dell’intera umanità. Ci sono i tagliatori di teste e i tagliatori di umanità, ossessionati della loro piccola identità. Chi è più incivile?
E. P.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


I corpi degli altri »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


Solidarietà con Bruno Segre »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


I bambini? Meglio che touch...ciano poco »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


Papà Mario e la sua lotta »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Ricordando Piero Pinna »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »