• 4 Marzo 2024 6:39

La Vecchia Calzoleria

DiGiorgio Gatta

Feb 4, 2024

Sono andato a trovare Tonino Monti, il calzolaio che mi aveva particolarmente colpito nella giornata trascorsa a Castrocaro Terme in una manifestazione chiamata “Tesori Aperti” dell’Ufficio Turistico.

Ed è stato come trovarmi in un fiume in piena per le parole che mi ha riversato di oltre 60 anni di storia…

Acquisisce il negozio da un precedente proprietario che a sua volta l’aveva eredtato dal nonno nato nel 1887 e che aveva aperto questo negozio intorno ai vent’anni.

Lo gestisce ancora oggi avendo più di 80 anni.

Mi ha raccontato che solo a Castrocaro c’erano 7 calzolai e che c’era un distretto calzaturiero molto fiorente.

A San Mauro c’era una fabbrica e c’è la scuola per fare le scarpe e circa il 70% degli alunni poi vengono impiegati su Battistini, (Bondi) di Forlì, con 1040 operai.

A quell’epoca le scarpe venivano fatte in maniera completamente artigianale e si usava il pellame perché la gomma non veniva ancora usata.

Veniva usata vacchetta o vitellone a seconda del tipo di scarpa: la vacchetta è molto dura e più resistente alla umidità.

Tutte le scarpe venivano montate e cucite a mano e perfino addirittura quelle che riguardavano l’esercito fino agli anni ‘50.

Mi ha mostrato gli anfibi.

Le scarpe de l’esercito venivano inscatolate, sottoposte a un sommario controllo qualità, consistente nella scelta di un paio a caso da ciascuno scatolone, verifica di misure, spessori rispettate e se si trovava qualcosa di non confacente in quel singolo paio, tutte le paia di quello scatolone venivano respinte con l’eccezione “riformate” e vendute ai negozi e calzolai che poi le vendevano ai loro clienti.

Quando è entrata la gomma nella lavorazione delle scarpe, tale tipo di lavorazione è stata delocalizzata al nord: a Monastier (Treviso).

Le donne che chiedevano lavoro in queste fabbriche venivano tutte assunte, ma poi in base all’abilità dimostrata, venivano dedicate alla lucidatura, all’inscatolamento, che sono lavori di contorno: lavori poco gratificanti che queste donne abbandonavano quando trovavano qualcosa di meglio.

Mi ha fatto vedere il panchetto da calzolaio di più di 100 anni, ma integro nella struttura anche se visibilmente consumato, sul quale ha a lungo lavorato e ancora lavora per effettuare qualche riparazione, anche se dice che le scarpe che tutti noi indossiamo oggi hanno gomme fuse che non si possono riparare.

In una calzoleria ci potevano essere fino ad 8 o 10 panchetti e che con le belle giornate i calzolai si mettevano all’esterno dei negozi a lavorare.

Lui indossa scarpe che utilizza da più di 40 anni.

 

Ha parlato talmente con piacere…poi si è accorto che è giunta l’orario di chiusura e che quindi sarebbe arrivato a casa in ritardo, perciò avvisa a casa visto che avrebbe avuto ospiti per la cena.

La moglie:
“Com’è?”

E Lui:
“Ho da fé, ho da fé”

Dicendo poi che sarebbe arrivato nel giro di 5-10 minuti al massimo.

“Guarda che c’è la torta…” – la moglie lo rimbrotta.

Ma Tonino non si fa “intimidire”:
“E vabbeh mangiatela voi…”

Insomma mi ha fatto capire e lo dice lui stesso che Tonino Monti lavora solamente per passione!

Grazie Tonino per il tempo che mi hai dedicato e 100 di questi anni!!!

Di Giorgio Gatta

Giorgio Gatta ha maturato una lunga esperienza nell’associazionismo e nel volontariato per la promozione della cultura della pace. In questo ambito, ha esercitato professionalmente l’attività di formatore per la gestione e la trasformazione dei conflitti con le tecniche della nonviolenza, giungendo a sviluppare progetti nell’ambito dell’Economia Civile. Dal 2004 al 2009, è stato tra gli organizzatori del “Corso per Mediatori Internazionali di Pace” a Bertinoro, facendo parte del suo comitato scientifico. L’iniziativa è stata realizzata nel 2010 nella sede di Santa Sofia (FC) del Centro Residenziale Universitario. Dalla seconda metà degli anni '80 ha sviluppato una lunga serie di esperienze di studio e di relazioni, fino ai giorni nostri, in ambito interculturale e verso la metà degli anni '90 inizia a intraprendere delle esperienze di dialogo interreligioso sia come dialogo ecumenico con le altre confessioni cristiane che dagli anni 2000 come dialogo cristiano-islamico. Attualmente è presidente dell’Associazione T-ERRE Turismo Responsabile di Faenza www.t-erre.org che nasce all’inizio del 2007, con lo scopo di sviluppare iniziative e progetti promozionali, di viaggio, culturali e formativi nel campo del turismo responsabile.