• 6 Dicembre 2022 0:05

L’obiettore di coscienza Vitaliy Alekseinko condannato a un anno di carcere deve essere assolto

DiRedazione

Nov 16, 2022

Il 15 settembre 2022 l’obiettore di coscienza Vitaliy Vasyliovych Alekseienko è stato giudicato colpevole di “elusione del servizio militare durante la mobilitazione” e condannato a un anno di carcere. Alekseienko ha presentato un ricorso in cui ha chiesto di essere rilasciato con un periodo di libertà vigilata. La Corte d’appello di Ivano-Frankivsk ha fissato l’udienza del ricorso per il 17 novembre 2022. Il Movimento Nonviolento tra le attività della Campagna “Obiezione alla guerra” segue direttamente la vicenda insieme alla War Resisters’ International, a EBCO-BEOC e il Movimento Pacifista Ucraino. Sostieni le iniziative di pace in Italia, Russia, Ucraina con la Campagna “Obiezione alla guerra con un versamento all’IBAN IT35 U 07601 11700 0000 18745455, intestato al Movimento Nonviolento, causale “Obiezione alla guerra”

Vitaliy Alekseienko ha completato il servizio alternativo nel 1998 nella città di Zarafshon (Repubblica dell’Uzbekistan), dove ha vissuto con la sua famiglia dall’età di 12 anni fino al trasferimento a Sloviansk, nell’oblast di Donetsk in Ucraina. In seguito all’invasione russa, si è trasferito da Sloviansk a Ivano-Frankivsk ed è stato registrato presso il Centro servizi amministrativi come sfollato interno. Dal Centro servizi amministrativi è stato indirizzato al Centro territoriale di reclutamento e sostegno sociale del Ministero della Difesa ucraino della città di Ivano-Frankivsk. Lo stesso giorno si è presentato al centro di reclutamento, dove è stato immediatamente sottoposto a una visita medica.

Il 1 giugno 2022, il centro di reclutamento ha imposto a Vitaliy Alekseienko di presentarsi il 2 giugno 2022 per iniziare il servizio militare. L’uomo si è presentato e ha spiegato che, a causa delle sue convinzioni religiose, non intende prestare servizio militare e imbracciare le armi, e che può solo sottoporsi a un servizio alternativo, che aveva già svolto in Uzbekistan. Gli è stata concessa una proroga per presentare i documenti a conferma della sua dichiarazione. Il 6 giugno 2022 si è presentato nuovamente al centro di reclutamento, dove gli è stato negato il rinvio al servizio alternativo. Gli è stato comunicato che avrebbe dovuto prestare servizio in un’unità militare. Vitaliy non ha accettato e ha dichiarato nuovamente di rifiutare il servizio militare a causa delle sue convinzioni religiose. In risposta, i funzionari del centro di reclutamento hanno contattato la polizia per avviare un’indagine penale.

Alla fine, Alekseienko si è presentato in tribunale ed è stato condannato a un anno di carcere. Nonostante ciò, l’accusa e la difesa hanno chiesto la scarcerazione di Vitaliy Alekseienko con un periodo di libertà vigilata. Vitaliy Alekseienko ha presentato un ricorso in cui ha chiesto di essere rilasciato con un periodo di libertà vigilata. La Corte d’appello di Ivano-Frankivsk ha fissato l’udienza del ricorso il 17 novembre 2022.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.