Obiettori interetnici per una pace giusta

Obiettori interetnici per una pace giusta

Il 15 maggio è la Giornata Internazionale dell’obiezione di coscienza. La dedico agli obiettori della Terrasanta, quei luoghi di Israele e Palestina dove si manifestò uno dei primi obiettori al potere costituito, lo fece rifiutando la violenza e per questo venne condannato a morte.

Oggi in quelle terre vi sono due popoli ostaggi di una guerra fomentata da chi produce e vende le armi per combatterla. I due eserciti che si fronteggiano sono asimmetrici nella potenza di fuoco, un Davide contro Golia, ma per le vittime morire per un missile intelligente o per un razzo stupido è la stessa cosa. La paura della notte sapendo che si può essere colpiti nel sonno è la stessa. Che l’esplosivo che potrebbe ammazzare tuo figlio venga dagli Stati Uniti o dall’Iran, te ne importa poco.
Cosa sia l’obiezione di coscienza ce lo ha fatto capire bene don Lorenzo Milani, una lezione che non ho mai dimenticato: “io non ho Patria e reclamo il diritto di dividere il mondo in diseredati e oppressi da un lato, privilegiati e oppressori dall’altro”. Chi siano gli oppressi e chi gli oppressori è molto chiaro, ma mi hanno sempre colpito quelle parole iniziali “io non ho Patria…”. E proprio per questo veder sventolare troppe bandiere identitarie, o bruciare le bandiere altrui, non mi è mai piaciuto. Si deve rifiutare la pulizia etnica senza cadere nell’autoisolamento etnico.
I gruppi misti di giovani israeliani e palestinesi, ebrei e arabi, musulmani e cristiani, sono l’antidoto alla compattezza etnica che ha creato le frontiere oggi invalicabili. I giovani israeliani obiettori al loro esercito, i giovani palestinesi obiettori alle loro milizie, sono la speranza per un futuro diverso da quello che hanno creato o subìto i loro padri.
I portuali di Genova e Livorno che dichiarano di non essere disposti a caricare armi sulle navi per una guerra che è violazione dei diritti umani fondamentali, sono i pionieri di una nuova coscienza.
Saranno gli obiettori e le obiettrici di domani a garantirE una pace giusta tra Israele e Palestina, che solo allora saranno davvero, insieme, Terrasanta.
-- 
--------------------------------------
Mao Valpiana - Verona

NON HAI ANCORA DECISO A CHI DESTINARE IL TUO 5x1000 ?
Scegli il Movimento Nonviolento codice fiscale 93100500235
ne abbiamo bisogno e te ne saremo grati. Grazie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Prima le donne e i bambini

di Elena Buccoliero


Sul femminicidio »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Ripulire il Limbara dalle scorie militari »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Scuola inizia per esse »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


L'Altro Festival a Fiumicino »

Politicamente scorretto

di Mao Valpiana


Povera terra »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »