Più vicina che mai:

Più vicina che mai:

mancano 100 secondi alla mezzanotte della distruzione del mondo.

L’umanità continua a fronteggiare due pericoli esistenziali simultanei – la guerra nucleare e i cambiamenti climatici – che sono aggravati da una guerra informatica (pronta per scenari cyber e che moltiplica le minacce) che compromette la capacità della società di rispondere. La situazione della sicurezza internazionale è terribile, non solo perché esistono queste minacce, ma perché i leader mondiali hanno permesso alle infrastrutture politiche internazionali di gestirle a erodersi.

Così afferma il Bulletin of the Atomic Scientists che da decenni aggiorna il “Doomsday Clock” (orologio dell’Apocalisse) sottolineando le possibili crisi cui va incontro il mondo.

Come reagire? Con percorsi di costruzione della Pace, quotidiani e nonviolenti!

fonte Rete Italiana per il Disarmo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


Moena, una bellezza inebriante /1 »

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Se la Nato chiama… »

Consigli di lettura

di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 42 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Dietro l'emergenza i grandi problemi »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »