• 26 Giugno 2022 0:45

Putin e Zelensky, parlatevi!

DiRedazione

Feb 28, 2022

Traduciamo e pubblichiamo l’appello di Yuri Sheliazhenko, del Movimento Pacifista Ucraino con cui siamo in contatto. 

Viviamo in tempi difficili che richiedono coraggio per promuovere la pace.

Quando le nazioni vicine con una storia intrecciata iniziano a opprimersi, distruggersi e uccidersi a vicenda anno dopo anno, sul proprio territorio o invadendo il territorio del vicino…

Quando pubblichi su Facebook che la Carta delle Nazioni Unite richiede una soluzione pacifica di tutte le controversie e, quindi, il presidente Putin della Russia e il presidente Zelensky dell’Ucraina dovrebbero cessare il fuoco e avviare colloqui di pace, e i commenti sono subito traboccanti di oscenità e dannazioni…

Quando viene proclamata la legge marziale e la mobilitazione totale, e i fucili distribuiti a migliaia di soldati della città appena reclutati, e i selfie con i fucili diventano di moda su Facebook, e nessuno sa chi e perché qualcuno improvvisamente spara per strada…

Quando anche i civili di un condominio si preparano a incontrare un nemico con bombe molotov, come raccomanda l’esercito, e cancellano dalla loro chat di Viber un vicino percepito come un traditore perché chiama la gente all’attenzione di non bruciare la casa comune e non permettere ai militari di usare i civili come scudo umano…

Quando i suoni lontani delle esplosioni provenienti dalle finestre si mescolano nella mente con messaggi su morte e distruzione, odio, sfiducia e panico e chiamate alle armi, a più spargimenti di sangue per la sovranità…

…è un’ora buia per l’umanità che dovremmo sopravvivere e superare, e impedire che si ripeta.

Il Movimento pacifista ucraino condanna tutte le azioni militari a fianco di Russia e Ucraina nel contesto del conflitto in corso. Condanniamo la mobilitazione e l’escalation militare all’interno e all’esterno dell’Ucraina, comprese le minacce di guerra nucleare. Chiediamo alla leadership sia degli stati che delle forze militari di fare un passo indietro e di sedersi al tavolo dei negoziati. La pace in Ucraina e nel mondo può essere raggiunta solo in modo non violento. La guerra è un crimine contro l’umanità. Pertanto, siamo determinati a non sostenere alcun tipo di guerra ea lottare per l’eliminazione di tutte le cause di guerra.

È difficile rimanere calmi e lucidi ora, ma con il sostegno della società civile globale è più facile. Gli amici di molti paesi stanno dimostrando solidarietà e promuovendo attivamente la pace con mezzi pacifici in Ucraina e nei dintorni. Siamo profondamente grati e ispirati qui.

Sfortunatamente, anche i guerrafondai stanno spingendo la loro agenda in tutto il mondo. Chiedono maggiori aiuti militari all’Ucraina e sanzioni economiche distruttive contro la Russia.

Le sanzioni che l’Occidente e l’Oriente si stanno imponendo a vicenda a seguito della battaglia USA-Russia per il controllo sull’Ucraina possono indebolirsi ma non dividere il mercato globale delle idee, del lavoro, dei beni e delle finanze, quindi il mercato globale inevitabilmente troverà un modo per soddisfare il suo bisogno nel governo globale. La domanda è: quanto civile e democratico sarà il futuro governo globale; e le alleanze militari, volte a sostenere la sovranità assoluta, stanno promuovendo il dispotismo piuttosto che la democrazia.

Quando i membri della NATO forniscono aiuti militari per sostenere la sovranità del governo ucraino o quando la Russia invia truppe a combattere per l’autoproclamata sovranità dei separatisti di Donetsk e Luhansk, dovresti ricordare che sovranità incontrollata significa spargimento di sangue e la sovranità non è assolutamente un valore democratico: tutte le democrazie sono emerse dalla resistenza ai sovrani sanguinari, individuali e collettivi. I profittatori di guerra dell’Occidente sono la stessa minaccia alla democrazia dei governanti autoritari dell’Est, ei loro tentativi di dividere e governare la Terra sono essenzialmente simili.

La NATO dovrebbe fare un passo indietro dal conflitto intorno all’Ucraina intensificato dal suo sostegno allo sforzo bellico e dalle aspirazioni di appartenenza al governo ucraino e idealmente per dissolversi o trasformarsi in un’alleanza di disarmo invece che in un’alleanza militare.

Gli Stati Uniti dovrebbero inviare un messaggio all’Ucraina che i colloqui di pace tra il governo ei separatisti sono inevitabili, prima è meglio è, e quindi avviare negoziati di pace significativi con la Russia. Suggerisco che entrambi dovrebbero aderire al Trattato sulla proibizione delle armi nucleari, rendendolo un buon esempio per altre grandi potenze, prima fra tutte per la Cina. E tutte le grandi potenze dovrebbero impegnarsi in una governance globale nonviolenta basata sulla cultura della pace, sulla comunicazione universale e sulla cooperazione invece di condannare a fallire gli sforzi per imporre la loro egemonia, globale o regionale, con la forza militare brutale.

L’Ucraina non dovrebbe schierarsi con nessuna grande potenza bellicosa, che si tratti degli Stati Uniti, della NATO o della Russia. In altre parole, il nostro Paese dovrebbe essere neutrale. Il governo ucraino dovrebbe smilitarizzare, abolire la coscrizione, risolvere pacificamente le controversie territoriali riguardanti la Crimea e il Donbass e contribuire allo sviluppo di una futura governance globale nonviolenta invece di cercare di costruire uno stato nazione modellato sul 20° secolo armato fino ai denti. Sarà più facile negoziare con la Russia ei suoi clienti separatisti quando si condivide la visione che l’Ucraina, il Donbass e la Crimea in futuro saranno un tutt’uno sul pianeta unito senza eserciti e confini. Anche se le élite non hanno il coraggio intellettuale di guardare al futuro, la comprensione pragmatica dei vantaggi del mercato comune dovrebbe aprire la strada alla pace.

Tutti i conflitti dovrebbero essere risolti al tavolo dei negoziati, non sul campo di battaglia; il diritto internazionale lo richiede e non c’è altro modo plausibile per risolvere le controversie emerse dalle violente prese di potere del 2014 a Kiev, Crimea e Donbass, dopo otto anni di spargimento di sangue da parte delle forze ucraine e filo-russe, e l’attuale aggressivo tentativo militarista russo di annullare il regime cambiamento in Ucraina.

L’indignazione pubblica provocata dalla guerra delle bugie cresce mentre tutte le parti belligeranti fanno ogni sorta di rumore per ingannare il mondo intero incolpandosi a vicenda, rifiutandosi di ammettere il proprio comportamento scorretto, imbiancando i propri sforzi bellici contrari al buon senso.

Invece di spezzare gli ultimi legami dell’umanità per rabbia, abbiamo più che mai bisogno di preservare e rafforzare i luoghi di comunicazione e cooperazione tra tutte le persone sulla Terra, e ogni singolo sforzo di questo tipo ha un valore.

Non molte persone si stanno sforzando di essere angeli o demoni; la maggior parte delle persone si trova intuitivamente alla deriva tra una cultura di pace e nonviolenza, da un lato, e una cultura di guerra e violenza, dall’altro. I pacifisti dovrebbero mostrare la buona strada.

La nonviolenza è uno strumento più efficace e progressivo per la governance globale, la giustizia sociale e ambientale, rispetto alle delusioni sulla violenza sistemica e la guerra come panacea, una soluzione miracolosa per tutti i problemi socio-economici.

L’Ucraina e la Russia non si sono scatenate abbastanza e hanno sofferto di furia per capire che la violenza non funziona? Ma la mancanza di cultura della pace in entrambe le nazioni post-sovietiche si traduce in un’estrema non negoziabilità. Putin e Zelenskyy hanno ricevuto molte chiamate da leader di altre nazioni che suggerivano di negoziare un cessate il fuoco. Ed è stato annunciato che avrebbero negoziato. Poi le loro squadre hanno detto che i preparativi per i colloqui sono falliti perché non ci si può fidare dell’altra parte, chiede troppo, imbroglia e gioca per tempo. Sembra che il concetto di negoziazione per entrambi i presidenti significhi o uno stratagemma militare o accettare la resa del nemico.

Putin e Zelenskyy dovrebbero impegnarsi in colloqui di pace seriamente e in buona fede, come politici responsabili e rappresentanti del popolo, sulla base di interessi pubblici comuni invece di lottare per posizioni che si escludono a vicenda.

Spero che con l’aiuto di tutte le persone della Terra dicendo la verità al potere, chiedendo di smettere di sparare e di iniziare a parlare, aiutando chi ne ha bisogno e investendo nella cultura della pace e nell’educazione alla cittadinanza nonviolenta, potremmo costruire insieme un mondo migliore senza eserciti e confini. Un mondo, governato da grandi poteri di Verità e Amore, che abbraccia Oriente e Occidente. E, citando May-May Meijer, la mia amica dei Paesi Bassi, un mondo in cui tutti i bambini possono giocare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.