#Recensione: Pace e nonviolenza, dal Concilio ad oggi

#Recensione: Pace e nonviolenza, dal Concilio ad oggi

Paolo Candelari – Ilaria Ciriaci, Guerra pace nonviolenza – 50 anni di storia e impegno. Ediz. Paoline 2015, pp. 215, € 16,00

Dalle origini, il Vangelo è pace in terra, non solo in cielo. E dunque è rifiuto del criterio delle armi omicide nel decidere i conflitti. Poi, le contraddizioni della storia hanno portato le chiese cristiane non solo a giustificare la guerra, a determinate rare condizioni, ma addirittura a benedire guerre di conquista e a farsi guerra tra loro, in nome di Dio.

I conflitti sono incroci, differenze stimolanti, nella vita multiforme. Diventano guerre solo se si affida la loro soluzione alla violenza. La ricerca di soluzioni pacifiche e giuste non è mai mancata nella storia, ma solo negli ultimi secoli è maturata dalla morale personale alla vita politica. Il Novecento è il secolo della massima violenza, ma anche della nonviolenza attiva, politica, efficace: cioè la forte ricerca di una civiltà della convivenza pluralistica e costruttiva, nel ripudio delle armi omicide e di ogni dominio. Oggi può sembrare un cammino smarrito, e invece è un filone carsico, profondo, fecondo, operante. Quanto se ne sono rese conto le Chiese cristiane?

Il libro di Candelari e Ciriaci guarda soprattutto il Concilio e i suoi sviluppi fino ad oggi. Il tema della pace non era nell’agenda conciliare e vi fu introdotto grazie alla sollecitazione assidua e tenace, si direbbe proprio una “lobby” benefica, di alcuni laici, come i coniugi Jean e Hildegard Goss, ed altri che fecero pressione argomentata e documentata sui vescovi più sensibili, anche con un lungo digiuno gandhiano.

Nacque il documento che alla fine sarà la Gaudium et Spes, con una parte importante dedicata alla pace. Sulla nonviolenza come lotta per la pace giusta con i soli mezzi della pace, furono da superare storici malintesi e compromissioni, ma un cammino deciso si avviò, sempre più insieme alle altre Chiese cristiane e alle altre religioni. L’obiezione di coscienza alle armi sembrò dapprima, nella Chiesa cattolica, una pericolosa presunzione morale, ma la dinamica conciliare fece molti passi, oggi da proseguire.

Il libro non è apologetico. È un ricco e utile repertorio di pensieri, dibattiti, documenti, esperienze, difficoltà, oscillazioni, chiarezze, non solo nell’insegnamento dei papi, ma nella pratica del popolo cristiano più consapevole. La dinamica di questo movimento, affrontata dal Concilio con «mentalità completamente nuova» (GS 80), accelerata e chiarita da allora in qua, è oggi motivo di ulteriore forte impegno.

Enrico Peyretti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

Carlo Bellisai di Carlo Bellisai


Il furto del tempo e la realtà virtuale »

c’era una volta… e ora?

Daniele Lugli di Daniele Lugli


Evasi di giorno e pure di notte »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

Mauro Presini di Mauro Presini


Per fare il futuro ci vuole la scuola »

Politicamente scorretto

Mao Valpiana di Mao Valpiana


80 anni con John, 40 anni senza John »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

Nicola Canestrini di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

Roberto Rossi di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

La domenica della nonviolenza

Peppe Sini di Peppe Sini


Sollevare un ginocchio di qualche centimetro »

"Nonviolenza: la via della Pace"

Enrico Peyretti di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

Fabrizio Bettini di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »