• 5 Ottobre 2022 4:26

Russia, Sasha Skochilenko rischia fino a 10 anni per volantini contro la guerra in un supermercato

DiRedazione

Apr 19, 2022

L’artista e già autrice di The Paper Sasha Skochilenko rischia fino a 10 anni per volantini contro la guerra in un supermercato. 

Sasha Skochilenko, l’ex autrice di The Paper e autrice di The Book of Depression, è sospettata di diffondere notizie false sull’esercito russo. Ha presumibilmente sostituito le etichette dei prezzi con volantini contro la guerra al supermercato Perekrestok. Ora rischia fino a 10 anni di prigione. Questo è il primo caso sotto questo articolo a San Pietroburgo. Il giornale racconta la storia di Sasha e del suo processo.

Sasha Skochilenko è stata arrestata con l’accusa di fake news sull’esercito russo. Questo è il primo caso a San Pietroburgo

L’11 aprile è stato riferito che Sasha Skochilenko, una musicista, artista e autrice di video report di The Paper di San Pietroburgo, è stata arrestata. Come ha raccontato la sua amica a The Paper, le forze dell’ordine sono arrivate a casa del suo amico musicista. Sasha è andata a trovarlo, dopo di che non c’è stato alcun collegamento con nessuno di loro.

In seguito, Sasha è stata portata alla stazione di polizia. Il suo amico, secondo The Paper, rimane a piede libero e non ci sono informazioni su eventuali misure di polizia prese nei suoi confronti.

Originariamente, si trattava di un caso penale sulla prima parte dell’articolo sulle notizie false sull’esercito russo, ha detto l’avvocato di Skochilenko, Dmitriy Gerasimov, a The Paper. Più tardi, Gerasimov ha detto che il caso era stato riclassificato ad una più grave seconda parte dello stesso articolo. Mentre la prima parte implica fino a 3 anni di prigione o una multa fino a 1,5 milioni di rubli, la seconda parte comporta da 5 a 10 anni di prigione. Questo è il primo caso del genere a San Pietroburgo.

Il caso avviato su un’azione silenziosa di sostituzione di cartellini dei prezzi del supermercato con informazioni sulla morte di civili in Ucraina.

Un caso penale sulle notizie false sull’esercito russo è stato avviato per la sostituzione dei cartellini dei prezzi dei supermercati con volantini con informazioni sulle azioni militari in Ucraina e le loro conseguenze, ha spiegato l’avvocato Dmitriy Gerasimov a The Paper. Gerasimov ha confermato che il dossier si riferisce alla sostituzione dei cartellini dei prezzi al supermercato Perekrestok sull’isola Vasilievsky, avvenuta il 31 marzo.

Il Net Freedom Project ha scritto che Skochylenko avrebbe messo dei volantini con informazioni sul bombardamento del teatro di Mariupol e la morte di civili. Gerasimov ha detto a The Paper che non poteva né confermare né negare queste informazioni.

Il ministero della Difesa russo ha ripetutamente negato la responsabilità del bombardamento del teatro e continua a sostenere che l’edificio è stato fatto saltare da “nazionalisti ucraini”. Secondo il consiglio comunale di Mariupol, 300 persone tra quelle che si nascondevano nel teatro sono state uccise quando l’edificio è stato distrutto.

Sasha non nega di aver messo informazioni sull’uso delle forze armate russe in Ucraina e le sue conseguenze, ma non considera le informazioni false, ha detto Dmitriy Gerasimov a The Paper. Di conseguenza, l’indagine ha qualificato il contenuto dei volantini come “false informazioni” sull’uso delle forze armate russe, presumibilmente diffuse per motivi politici, ha indicato Gerasimov a The Paper.

Sasha è una sospettata. Viene mandata in un centro di detenzione preventiva

Skochilenko è una sospettata. Al momento di questa pubblicazione, non c’erano informazioni che fosse stata accusata. L’interrogatorio di Skochilenko è durato diverse ore, è rimasta alla stazione di polizia in attesa del processo.

L’udienza sulla misura cautelare doveva iniziare nel tribunale distrettuale Vasileostrovsky alle 13:00 del 12 aprile, ma visitando il tribunale The Paper ha scoperto che non è iniziata. È noto a The Paper che il tribunale ha comunque accettato i fascicoli della causa penale. Le ultime informazioni del tribunale hanno dichiarato che l’udienza è stata rinviata alle 9 del mattino del 13 aprile.

Boris Vishnevskiy, membro della Duma di Stato, ha detto di aver firmato una cauzione per Skochilenko e di averla depositata al tribunale. “Lei […] rischia dai cinque ai dieci anni di prigione. Una condanna che sembra sproporzionata rispetto al reato imputato.

Le forze dell’ordine di solito non reagiscono agli appelli a “tagliare la testa” degli oppositori politici, alle minacce ai giornalisti e agli inviti ad attaccare l’Azerbaigian. Ma qui lo hanno fatto immediatamente”, ha commentato Vishnevskiy.

L’inchiesta ha richiesto la detenzione di Sasha, che ora è detenuta fino al 31 maggio

Sasha ha filmato le proteste per The Paper, ha scritto The Book of Depression, ha composto musica e ha parlato pubblicamente contro la guerra. Nel 2013-2015, Sasha Skochilenko ha lavorato a dei video per The Paper, ha fatto dei reportage da raduni e proteste.

Sasha è anche autrice di un famoso libro a fumetti The Book of Depression (tradotto in inglese e ucraino), così come del libro Nobody Ever Loved Me. Le sue illustrazioni sono utilizzate nel libro The Bipolar Disorder. A Survival Guide for Those Who Often Don’t See the White Line, e la sua storia personale è raccontata nel libro Bipolars.Candid Stories of People Who Looked for Their True Selves and Changed the World.

Dopo il 24 febbraio, Sasha ha parlato pubblicamente contro le azioni militari in Ucraina: ha disegnato e pubblicato cartoline contro la guerra e cantato canzoni contro la guerra.

Dal 12 aprile anche altre persone (almeno due) sono state arrestate per la sostituzione del cartellino del prezzo a San Pietroburgo. Un’azione diretta contro la guerra che sta prendendo piede e che bisognerà continuare a sostenere.

Fonte in lingua inglese: https://telegra.ph/Artist-and-The-Papers-ex-author-faces-up-to-10-years-for-anti-war-flyers-in-a-supermarket-Highlights-of-Sasha-Skochilenkos-case-04-14

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.