• 30 Novembre 2022 11:25

Senza parole…

Diadmin

Lug 24, 2014

Ho scritto, abbiamo scritto. Ho parlato, talvolta gridato. Ho manifestato, in tanti l’abbiamo fatto. Dell’ingiustizia, dell’indignazione, della rabbia.

Ho cercato di capire, provando a mettermi in ciascuna delle parti. Sono passato per “traditore”, concetto che ho espunto dal mio vocabolario. Nella rappresentazione del conflitto fra il bene e il male viene meno infatti la necessità della compromissione.

Ho affermato che le armi non avrebbero portato da nessuna parte, utili solo al prevalere del più forte. Passando per anima bella. Ho cercato di costruire relazioni, dando alla cooperazione il significato di non perdere le tracce di una storia così profondamente radicata nell’ulivo e nella vite. Ho visto l’esercito israeliano tagliare ulivi millenari per cancellarla.

Ho provato a dire in tempi ormai remoti che il concetto di “due popoli, due stati” rappresentava una sconfitta culturale e che una delle componenti della tragedia era proprio l’affermarsi di stati et(n)ici. E che occorreva cambiare l’approccio, provando ad immaginare soluzioni che andassero oltre i paradigmi di un tempo che fatichiamo a metterci alle spalle…

Ciò che vedo in queste ore è esattamente l’opposto di quel che ho auspicato nel corso di una vita. Per questo rimango attonito, senza parole.

Michele Nardelli

michelenardelli

 

* Michele Nardelli: Ricercatore e dirigente politico, formatore, animatore di programmi di cooperazione di comunità, pubblicista. E’ stato consigliere provinciale e regionale nella sua terra, il Trentino e Presidente del Forum Trentino per la Pace e i Diritti Umani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.