5 anni di Giovani, Pace e Sicurezza in Italia

L’11 dicembre dalle ore 18:00 il webinar organizzato dalla Rete GiPS per promuovere l’adozione di un piano d’azione nazionale

“Il 5° anniversario della risoluzione n. 2250 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite quest’anno offre un momento strategico per rafforzare ulteriormente il nostro impegno per la diffusione e l’implementazione dell’Agenda Giovani, Pace e Sicurezza e aprire la strada al primo piano nazionale in Italia” con queste parole la Rete italiana Giovani, Pace e Sicurezza, attiva dal 2017, lancia l’evento virtuale 5 anni di Giovani, Pace e Sicurezza. Dialoghi, scambi e prospettive per il futuro. Il webinar si terrà sulla piattaforma virtuale Zoom dalle ore 18 di venerdì 11 dicembre 2020 (link per la registrazione:  https://forms.gle/t1juZwnMnn5yrLeT9). Un evento costruito per confrontarsi sul contesto italiano attuale e diffondere questo importante documento dell’ONU.

La Rete GiPS è co-promossa dalle associazioni Centro Studi Difesa CivileUn Ponte Per…Movimento Nonviolento ma è soprattutto animata da un gruppo di persone giovani con profilo internazionale accademico, di attivismo e professionale nel campo della pace positiva e della sicurezza umana.

L’evento dell’11 dicembre vedrà una tavola rotonda con la partecipazione di Maria Cristina Pisani, Presidente del Consiglio Nazionale Giovani, Giulia Parenti e Simone Mostratisi UN Youth Delegates italiani, Tuomas Karvonen di Allianssi il Consiglio dei Giovani finlandese che ha portato al “Finnish 2250 National Action Plan” primo in Europa. Sarà presente, inoltre, Giorgi Gabedava in rappresentanza della rete internazionale UNOY Peacebuilders.

Ad ascoltare e rispondere alle proposte della Rete GiPS ci sarà il Presidente del Comitato Interministeriale per i Diritti Umani (CIDU), Min. Plen. Fabrizio Petri.

Nella seconda parte verranno aperte cinque stanze virtuali, quanti sono i pilastri della Risoluzione (Partecipazione, Protezione, Prevenzione, Collaborazioni e Reintegrazione). Ogni stanza sarà introdotta da una giovane voce impegnata, a vario titolo, nella costruzione della pace tra le quali Martina Rogato sustainability advisor e parte della delegazione italiana Women20, Carmen Ferrara di Antinoo Arcigay Napoli, Lucia Nuzzo del gruppo scout Agesci Caserta 2/Casa Nogaro, Silvia Bigando dei Corpi Civili di Pace e Roberto Pontecorvo di Agenda Praiano. Anche qui non mancheranno importanti voci internazionali come Dafina Peci, direttrice esecutiva del Consiglio Nazionale dei Giovani d’Albania e Christiana Xenofontos, vicepresidente del Consiglio Nazionale dei Giovani cipriota e membro del Board dello European Youth Forum.

Al termine ci sarà spazio per le conclusioni e la condivisione di alcune linee programmatiche per il futuro, a partire dal lancio del sondaggio online su Giovani, Pace e Sicurezza in Italia, preparato dalla Rete GiPS in questi ultimi mesi per registrare bisogni, aspirazioni e necessità della popolazione giovane italiana.

Per contatti e ufficio stampa: info@giovanipacesicurezza.it

Facebook: ReteItalianaGiovaniPaceSicurezza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


Moena, una bellezza inebriante /1 »

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Se la Nato chiama… »

Consigli di lettura

di Enrico Pompeo


Consiglio di lettura n. 42 »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Dietro l'emergenza i grandi problemi »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Bisogna vedere nella testa dell'altro »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »