DPCM e difesa

DPCM e difesa

Il Decreto, che entra in vigore oggi, riguarda la chiusura delle produzioni “ritenute non essenziali”.

All’art. 1, lettera h), si dice che “sono consentite le attività dell’industria della difesa”, nonchè altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale.
Nell’Allegato 1 si elencano tutte le attività che restano aperte e operative, utilizzando il Codice ATECO, che con il numero 84 individua “Amministrazione pubblica e difesa”.

Nessuno Stato al mondo rinuncerebbe, nemmeno in una crisi emergenziale peggiore di questa, alla difesa nazionale. Si capisce. Ma qui si sta parlando di “industria della difesa”. Cosa significa? Che le fabbriche di armi, anche in questa fase, sono ritenute “essenziali”? Che l’industria militare è considerata “strategica per l’economia nazionale”? Allora non ci capiamo più.

La difesa del paese, è un conto. La produzione bellica, un altro.
Fucili, pistole, munizioni, carriarmati, elicotteri, blindati, non sono affatto essenziali in questo momento, e certamente non servono a contrastare la diffusione del Covid-19. Mi pare evidente.

Bisogna che Governo, Confindustria e Sindacati chiariscano immediatamente questo punto specifico.
Bisogna porre la questione della “difesa” (la vera difesa della comunità nazionale) al centro del dibattito politico, adesso e nel prossimo futuro. La nostra Campagna per la “Difesa civile, non armata e nonviolenta” appare ora in tutta la sua lungimiranza e centralità.

Siamo più determinati che mai.


————————————–
Mao Valpiana – Verona

  1. giovanni polidori 23 Marzo 2020, 18:52

    cadono le braccia

    Reply
    • Sono assolutamente d’accordo. Lo Stato, che siamo anche noi, rappresentati solamente da chi è seduto in parlamento e governa in nome di tutti i cittadini non può permettersi queste gravi incongruenze ed ipocrisie

      Reply
  2. Alessandra Chiappini 25 Marzo 2020, 19:56

    L’attuale situazione può fornire l’opportunità di cambiare direzione, anzi, mi pare che indichi proprio questa soluzione. Il necessario potenziamento delle risorse da destinare alla sanità pubblica e alla ricerca lo esige. Perché non imprimere questo salto di qualità etico e civile al nostro Paese?

    Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RUBRICHE

c’era una volta… e ora?

di Daniele Lugli


Matteotti l’obiettore »

Prima le donne e i bambini

di Elena Buccoliero


Sul femminicidio »

PASSI : dalla Sardegna e oltre...

di Carlo Bellisai


Ripulire il Limbara dalle scorie militari »

"Si scrive Scuola Pubblica, si legge Democrazia"

di Mauro Presini


Scuola inizia per esse »

Incontrando persone, vivendo il presente

di Giorgio Gatta


L'Altro Festival a Fiumicino »

Politicamente scorretto

di Mao Valpiana


Povera terra »

La domenica della nonviolenza

di Peppe Sini


Quante persone ancora dovranno morire? »

Diritto di Critica

https://twitter.com/CanestriniLex

di Nicola Canestrini


SLAPP, ceffoni (giudiziali) a chi osa criticare: quali rimedi? »

Specchio riflesso

di Roberto Rossi


La scuola come desiderio »

"Nonviolenza: la via della Pace"

di Enrico Peyretti


Recensione: Un cristianesimo non innocente »

Sforzi di Pace

di Fabrizio Bettini


Pazzi e bugiardi »